Istria, torna l'incubo ai confini: fino a 5 ore di attesa

Controlli sistematici in prossimità delle vacanze pasquali. Si attende la decisione della Commissione europea che si riunirà il 28 aprile

Continuano i controlli al confine sloveno e croato. I tempi tornano a dilatarsi: fino 5 ore di attesa e 10 chilometri di coda. Proprio a ridosso del tanto atteso weekend pasquale, tornano le problematiche legate alla direttiva anti terrorismo dettata dalla Commissione europea. Alla base sembra, secondo i siti croati, che non sia stato raggiunto un accordo sulla gestione del rischio legato al terrorismo.

Come riportato dal media croato N1, attese così lunghe hanno persino costretto i passeggeri di una corriera diretta in Croazia a proseguire a piedi. Una situazione ormai insostenibile che non riesce a trovare un equilibrio tra sicurezza e l'abuso della pazienza di chi semplicemente vuole tornare a casa o fare un weekend tranquillo.

Solo pochi giorni fa sembrava si fosse placato, almeno momentaneamente, il grande caos creato da questa direttiva. Purtroppo una soluzione definitiva e che, si spera, possa accontentare tutti arriverà  il 28 aprile, quando la Commissione europea si riunirà nuovamente per discutere del problema code. Non ci resta che attendere.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Morta la bimba di 4 anni rimasta in auto sotto il sole rovente a Rovigno

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

Torna su
TriestePrima è in caricamento