"M'illumino di meno", l'Università di Trieste spegne le luci

Dalle 18 alle 19.30 di domani 1 marzo l'ateneo triestino aderirà alla campagna di sensibilizzazione lanciata nel 2005 dai conduttori del programma di Radio2 "Caterpillar". L'iniziativa coinvolge moltissimi comuni in tutta Italia

L'Università degli Studi di Trieste spegnerà le luci della facciata e della scalinata centrale domani 1 marzo. Per un'ora e mezza, dalle 18 alle 19.30 l'ateneo triestino darà il suo contributo alla campagna di sensibilizzazione lanciata dal programma di Radio2 "Caterpillar" per consumare meno energia e dal titolo "M'illumino di meno".

La giornata dove si consuma di meno

Patrocinata dal Parlamento Europeo e dalla Presidenza della Repubblica, l'iniziativa nasce nel 2005 da un'idea dei giornalisti Massimo Cirri e Filippo Solibello e si svolge sempre a febbraio in concomitanza con la firma del protocollo di Kyoto, avvenuta il 16 febbraio del 1997. Nel corso degli anni è diventata una giornata in cui moltissimi comuni d'Italia decidono di spegnere le luci dei propri palazzi municipali. Moltissime sono le realtà pubbliche - ma anche private - che decidono di supportare "M'illumino di meno". 

L'adesione all'iniziativa da parte dell'UniTs prevede, in particolare, la pianificazione dello spegnimento di luci e dispositivi elettrici nel campus di piazzale Europa-Edificio A. Una bella iniziativa che può smuovere la coscienza di tutti noi, nel tentare di non abusare dell'energia e perché no, restituire naturalezza al mondo in cui viviamo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento