Ladro seriale deruba i bagnanti di Barcola: arrestato dai Carabinieri

Il soggetto era una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine. Dopo un'evasione dagli arresti domiciliari è stato condotto in carcere

Stava svuotando una borsa da donna, intascando i valori e gettando il restante contenuto nella spazzatura, ma non sapeva che un rappresentante delle forze dell'ordine in pensione lo stava osservando, per poi chiamare l 112 i carabinieri della compagnia di Aurisina. È accaduto il 7 luglio a Barcola, nei pressi del bar "Ottavo Nano" e il ladro, G. F., cittadino italiano, è stato identificato come una "vecchia conoscenza" delle forze dell'ordine, essendo stato più volte segnalato per furti e borseggi.

I Carabinieri hanno quindi dichiarato l’uomo in arresto e lo hanno condotto al Coroneo, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Dopo essere stato assegnato agli arresti domiciliari, l'uomo è evaso dopo poche ore ma è stato subito rintracciato dai Carabinieri del nucleo radiomobile di Trieste.

L’Autorità Giudiziaria ha quindi disposto il ripristino della custodia in carcere, misura che è stata eseguita dallo stesso nucleo radiomobile. L’arresto va inquadrato nel programma di intensificazione dei controlli nelle zone balneari da parte dal nucleo radiomobile di Trieste e dalle stazioni Carabinieri di Duino, Miramare e Barcola, servizi che il comando provinciale dell’Arma ha disposto per il periodo estivo, al fine di garantire la sicurezza dei cittadini nei momenti di svago e divertimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Migliori gelaterie d'Italia: due coni per Jazzin e Soban, menzione per Zampolli

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

Torna su
TriestePrima è in caricamento