Manifesti contro l'immigrazione con volto della Boldrini anche a Trieste

Nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia sono comparsi i cartelloni con il volto dell'ex presidente della Camera dei deputati accompagnato dallo slogan "pensa come vuoi, ma pensa come noi". I manifesti sono apparsi in tutta Italia. A Udine informata la Digos

Foto di Bianca Lucia Degrassi

Sono comparsi anche a Trieste nel rione di Valmaura i manifesti a firma di un fantomatico "Ministero della Verità" che mettono in mostra il volto dell'ex presidente della Camera, Laura Boldrini, e che riportano lo slogan "pensa come vuoi, ma pensa come noi". La scritta in stampatello maiuscolo, appare proprio sopra alla dicitura "gli immigrati ci offrono uno stile di vita che presto sarà molto diffuso tra tutti noi".

Alla base del manifesto un simbolo con la scrittà che riporta, per l'appunto il "Ministero della Verità". Al momento non si conoscono gli autori del manifesto i quali, evidentemente, hanno preferito "nascondersi" dietro alla verità di un ministero inesistente. Quello che sembra reale è invece l'azione coordinata da nord a sud da parte degli autori che, come da manifesto, sembrano riconoscersi dietro ad uno dei simboli più famosi della massoneria, vale a dire l'occhio massonico. 

I manifesti, come già menzionato, sono apparsi in moltissime città d'Italia. A Udine la consigliera Cinzia Del Torre ha segnalato il fatto alla Digos. Al momento, sui canali social della deputata non sono ancora apparse reazioni e commenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento