Lavori ai richiedenti asilo, Dipiazza: «340 mila euro non sono pochi: coinvolgeremo gli artigiani locali»

Il sindaco ritorna sulla firma del protocollo in Regione: entro 30 giorni il progetto 2017 «e poi si raddoppia nel 2018»

«Non solo avremo 171 mila euro entro l'anno, ma all'inizio del 2018 ne riceveremo altrettanti: 340 mila euro li dovevo buttare via?». Il sindaco Roberto Dipiazza torna sulla firma in Regione del protocollo che prevede una nuova modalità di finanziamento dei progetti per i richiedenti asilo a sostegno dei Comuni maggiori, finanziamento che ammonta in totale a 400mila euro suddivisi sulla base della presenza dei migranti nel territorio. A sottoscrivere l'accordo erano presenti il sindaco del capoluogo giuliano, Roberto Dipiazza, il vicesindaco leghista di Pordenone, Eligio Grizzo, l'assessore ai Diritti e all'Inclusione sociale di Udine, Antonella Nonino, e l'assessore alle Politiche sociali di Gorizia, Silvana Romano.

Nei mesi scorsi il sindaco Dipiazza era stato criticato dalla sua maggioranza, in particolare da Lega Nord e Fratelli d'Italia, in merito alla paventata idea del primo cittadino di far ridipingere la storica e degradata inferriata del Porto Vecchio lungo viale Miramare ai richiedenti asilo proprio grazie a questo finanziamento regionale: «Sono tanti soldi e ho trovato il modo di coinvolgere la Cassa edile e gli artigiani triestini, anche se ovviamente il progetto deve coinvolgere i richiedenti asilo per la loro migliore integrazione», replica anticipando e bloccando sul nascere le polemiche Dipiazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento