Lavori di Pubblica Utilita', Entro il 18 febbraio le Domande

10 progetti per “lavori di pubblica utilità” finanziati da Regione FVG, Fondo Sociale Europeo e dal Comune di Trieste, offriranno la possibilità a 35 persone disoccupate di trovare un impiego per 8 mesi e 32 ore settimanali presso imprese e...

10 progetti per "lavori di pubblica utilità" finanziati da Regione FVG, Fondo Sociale Europeo e dal Comune di Trieste, offriranno la possibilità a 35 persone disoccupate di trovare un impiego per 8 mesi e 32 ore settimanali presso imprese e associazioni riconosciute.

Le domande di contributo da parte delle imprese, cooperative sociali, cooperative di produzione e lavoro, associazioni - ai fini dell'inserimento lavorativo - dovranno essere indirizzate al Comune di Trieste-Area Risorse Umane e Formazione-Piazza Unità 4 e pervenire entro il 18 febbraio 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa è stata presentata stamane in Municipio dall'assessore alle Risorse Umane e Formazione Michele Lobianco. I lavoratori coinvolti nell'iniziativa, sono quelli che entro il 15 luglio 2010 si sono iscritti nelle liste di disponibilità presso il Centro per l'Impiego della Provincia di Trieste e che rispettavano i criteri del regolamento regionale, cioè aver compiuto, per le donne, 35 anni d'età, per gli uomini, i 40.

E per tutti coloro che non percepiscono alcun tipo di ammortizzatore sociale e non hanno maturato il diritto al trattamento pensionistico.

I 10 progetti proposti dalle amministrazioni pubbliche che, secondo la norma regionale, dovranno essere attuati in concreto da imprese, cooperative sociali, di produzione e lavoro e associazioni riconosciute, saranno selezionate in base alla sede nel territorio regionale, alla disponibilità di attrezzature idonee per le iniziative di lavoro di pubblica utilità assegnate, alla strutturazione a livello organizzativo e alla capacità di assicurare ai beneficiari gli elementi essenziali di formazione per sicurezza sul posti di lavoro.

Alle imprese, cooperative e associazioni sarà riconosciuto un contributo per il costo complessivo dell'intervento, di cui almeno il 70% deve essere rappresentato dal costo dei lavoratori di pubblica utilità assunti, mentre il restante 30% è costituito da materiali, attività di tutoraggio e altre spese di gestione del progetto.

Successivamente al termine del 18 febbraio, imprese, cooperative e associazioni, dovranno assumere le persone disoccupate individuate dal Comune di Trieste tra quelle iscritte nelle liste di disponibilità e avviare i progetti entro la fine di marzo e i primi di aprile.

Tutti i 10 progetti prevedono queste attività: la valorizzazione del patrimonio pubblico urbano, rurale e la manutenzione (8 progetti per 29 persone); il riordino di archivi e il recupero di lavori arretrati di tipo tecnico o amministrativo (2 progetti per 6 persone).

E, nello specifico, gli interventi riguarderanno il verde pubblico e i terreni patrimoniali comunali: lungo la dorsale del ciglione carsico, parco urbano della Strada Vicentina, la campagna Prandi, situata tra le vie Cattedrale e San Michele, accanto a San Giusto; il restauro di immobili: recinzioni di pertinenza scolastica a gestione comunale, manufatti artistici nel Giardino Pubblico M. de Tommasini e vari monumenti cittadini, lapidi e aree verdi del Parco della Rimembranza.

I fondi stanziati ammontano a 800.325,17 euro, di cui 40.016,26 (il 5% del costo complessivo dei progetti) resteranno a carico del Comune di Trieste e 760.308,91 (il 95% del costo complessivo dei progetti) saranno a carico del bilancio regionale e del Fondo Sociale Europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento