Roberti: "Ricordo occupazione titina sia da monito"

In occasione del 74esimo anniversario della Liberazione di Trieste l'assessore ha ricordato che "Quel tremendo periodo ha portato violenza e terrore, tanto che molti civili e militari vennero sequestrati e infoibati o tradotti in campi di concentramento"

Si è svolta ieri mattina nel Famedio della Questura la commemorazione degli agenti sequestrati e infoibati dai titini in occasione del 74esimo anniversario della liberazione della città dall'occupazione jugoslava, iniziata il 1 maggio 1945, proseguì per i successivi 42 giorni.

"La storia va raccontata nella sua interezza - ha sottolineato oggi l'assessore alla Sicurezza del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti -, con dovizia di fatti e di memorie da utilizzare compiutamente affinché le vere tragedie non si ripetano. Quel tremendo periodo ha portato violenza e terrore, tanto che molti civili e militari vennero sequestrati e infoibati o tradotti in campi di concentramento. Ricordarli oggi è un dovere e un messaggio rivolto soprattutto ai giovani, affinché da tutto il passato traggano gli spunti necessari per non commettere più simili errori".

Bandiera dei partigiani "titini" fuori dal comune di San Dorligo

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Ciclista colpito da un fulmine a Basovizza, è gravissimo

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Inseguimento della Polizia slovena, arresto in pieno giorno sullo svincolo di via Svevo

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento