Da barberia a 'soggiorno in città': in Cavana arriva l'imprevedibile "Mai fidarsi del barbiere"

E'una barberia, ma non solo. Nel nuovo spazio di Tommaso Fornasari si potranno fare giochi da tavolo, guardare la televisione o semplicemente passare del tempo in compagnia: "Condivisione, integrazione, comunità e felicità sono gli ingredienti che voglio provare a trasmettere a chiunque passi di qua". Sarà un posto dove non ci si annoia mai.

Foto Giovanni Aiello

E' stato inaugurato, è rimasto chiuso per un paio di giorni, è stato riaperto martedì e domani verrà inaugurato di nuovo. "Mai fidarsi del barbiere" è così, imprevedibile e pieno di sorprese. Tommaso Fornasari, il titolare, ha messo in chiaro le cose fin da subito facendoci capire che no, non sarà una banale barberia, ma molto di più.

Persone in attesa dell'apertura

"Un soggiorno in città"

Situato in Androna del Torchio, il nuovo spazio "Mai fidarsi del barbiere" è un luogo aperto a tutti, un "soggiorno in centro città", dove incontrarsi, parlare, giocare, guardare le partite e, ovviamente, farsi la barba. Ma è anche un luogo che può insegnare a stare insieme, a condividere, e Tommaso ha voluto raccontarlo così: "Il voler costruire una seconda casa aperta a tutti, mi ha dato il coraggio di intraprendere questa avvenutura. Il desiderio di poter creare e far parte di una comunità che tende una mano piuttosto che ritrarla, mi ha fatto mettere un tavolo dove di solito ci sono dei divanetti, per guardarci tutti un po’ più negli occhi. La passione per lo sport si è tramutata in un soffitto di Gazzette. Condivisione, integrazione, comunità e felicità sono gli ingredienti che voglio provare a trasmettere a chiunque passi di qua, e credo siano importanti tanto quanto un grande taglio di capelli". Ed effettivamente, entrando, la prima cosa che si nota è quel tavolo di condivisione in legno che invita a fermarsi e "a guardarsi negli occhi". Il soffitto, cosparso di pagine della Gazzetta dello Sport, ricorda la passione per lo sport, una passione che unisce, mentre una televisione e i giochi da tavolo riposti sullo scaffale suggeriscono che potresti perdere anche la cognizione del tempo una volta varcata quella porta.

MaiFidarsiDelBarbiere_25-10-19__Giovanni Aiello 6-2

Il momento solenne in cui la Play Station 4 ha fatto il suo ingresso nella barberia

"E' un posto aperto a tutti - ha specificato il titolare -. Qui, se volete, potete anche portarvi una pizza e passare una bella serata in compagnia. Nessun limite. E' proprio per questo che ho scelto un nome ironico (Mai fidarsi del barbiere ndr) che potesse permettermi di giocare su più fronti" . Seguendo alla lettere il motto "sharing is caring", l'hashtag sui biglietti da visita, "Mai fidarsi del barbiere" si prende cura anche dei papà: "Metteremo un fasciatoio nel bagno degli uomini. Ci siamo ispirati ad una campagna di John Legend che ha voluto porre l'attenzione sul fatto che si trovino sempre solo nei bagni pubblici femminili".

MaiFidarsiDelBarbiere_25-10-19__Giovanni Aiello 10-2

La barberia

Non dimentichiamo la parte dedicata a barba e capelli, dove troverete tre postazioni e due barbieri pronti a prendersi cura di voi: "Si tratterà per lo più di un barber shop classico, senza mai perdere di vista le novità. Offriremo diverse esperienze, tra cui massaggi e trattamenti con creme e panni caldi, il tutto misurato su una scala da uno a tre cerotti, un "gioco" che richiama il logo e che scoprirete presto".

MaiFidarsiDelBarbiere_25-10-19__Giovanni Aiello 9-2

I ragazzi della Calicanto

"Mai fidarsi del barbiere" è e sarà anche una piccola comunità per i ragazzi disabili. E' prevista, infatti, una collaborazione con l'associazione Calicanto Onlus nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro: "Loro sono dei ragazzi fantastici e io sono sempre stato sensibile riguardo a questi temi - ha dichiarato Tommaso -. Mi daranno una mano e sono sicuro che sarà una bellissima esperienza per entrambe le parti. Credo che tutte le attività siano in grado e possano trovare un posto per loro, che si tratti di portare un caffè o di aiutare. Dovrebbe essere una cosa naturale".

Foto: Giovanni Aiello

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Coronavirus in Fvg: rallentano i contagi e i decessi, guarite 102 persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento