Maltratta la madre invalida al 99%: il Giudice allontana il figlio 59enne

Escalation di maltrattamenti nei confronti dell'anziana donna, dalla violenza verbale a quella fisica

foto di repertorio
Una madre di 81 anni, con numerose patologie che le riconoscono un'invalidità del 99%; si muove con difficoltà ha bisogno delle stampelle, deve sdraiarsi frequentemente per riposare.
Cinque anni fa il figlio torna a vivere con lei e da allora inizia un escalation di maltrattamenti e violenze nei confronti dell'anziana donna finché l'esasperazione la convince a rivolgersi al Nucleo di polizia giudiziaria della Polizia Locale e denunciare l'uomo L.V.R. di 59 anni.
Il racconto della donna, supportato da molte testimonianze, parla di una quotidianità fatta di continue offese, frasi denigratorie, minacce e umiliazioni; negli ultimi tempi, alla violenza verbale si è aggiunta anche quella fisica.
Anziché esserle di aiuto nelle faccende domestiche - dalle pulizie in casa alla spesa - l'uomo lasciava che continuasse ad occuparsene lei, con l'aggravio di lavorare per due; le impediva di usufruire del bagno, tanto che l'anziana signora si trovava costretta ad utilizzare un secchio per le sue necessità fisiche. Stessa scena la mattina appena sveglia: non riusciva a prendere le medicine del giorno perché la cucina era occupata dal figlio che si rifiutava in malo modo di aprirle.
Se sentiva il bisogno di stendersi sul suo letto e lo trovava occupato dall'uomo, non c'era verso che questi si smuovesse da lì.

La donna riporta sul corpo evidenti lesioni - ecchimosi agli avambracci, un trauma al ginocchio -: il figlio negli ultimi tempi ha iniziato a stringerla per le braccia o a strattonarla; in un caso l'ha addirittura spinta, facendole perdere l'equilibrio.
La denuncia lo scorso gennaio: gli investigatori hanno informato subito la Procura della Repubblica che li ha delegati a raccogliere tutte le evidenze di questa violenza familiare e formulato successivamente, nei confronti di L.V.R., una richiesta di misura cautelare1 al Giudice per le indagini preliminari, per maltrattamenti e lesioni personali2.
Giovedì scorso (9 marzo), il GIP ha emesso nei confronti dell'uomo un'ordinanza che gli imponeva di lasciare l'abitazione della madre e di non accedervi senza specifica autorizzazione (immediatamente eseguita): il mancato rispetto delle misure restrittive potrebbe costargli il carcere.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: boom di contagi in Croazia, 95 in un giorno

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento