Il manifesto di Barcolana 50 della Abramovic si potrà comprare

La notizia è rimbalzata ieri pomeriggio dagli uffici della Svbg. Il manifesto tanto discusso sarà in vendita. Gialuz da Pordenone Legge: "Polemica ampiamente superata"

Il manifesto della cinquantesima edizione della Barcolana firmato da Marina Abramovic si potrà acquistare al prezzo di 20 euro. È questa la notizia rimbalzata ieri pomeriggio dagli addetti ai lavori e che pone fine alla coda della polemica scoppiata dopo la querelle SVBG-Comune. Il vicesindaco Paolo Polidori a nome della Giunta aveva espresso la sua contrarietà nei confronti del manifesto commissionato dalla storica società velica triestina all'artista di fama internazionale Marina Abramovic. 

"Sono contenta che abbia suscitato reazioni"

La ricomparsa del manifesto

Torna a fare la sua comparsa quindi il "we're all in the same boat" tanto discusso. Il manifesto non verrà utilizzato ufficialmente come immagine dell'attesissima cinquantesima edizione, ma resterà in vendita a disposizione dei privati cittadini che intenderanno acquistarlo. Da domani parte la vendita online mentre al Villaggio Barcolana l'acquisto sarà possibile da sabato 6 ottobre. Le polemiche quindi sembrano essere superate, come ribadito anche dal presidente della Barcolana Mitja Gialuz dal palco di Pordenone Legge dove ieri ha presentato il libro "Un mare di racconti", la raccolta di anedotti, storie, vicende e narrazioni d'autore, sulle cinquanta edizioni della regata velica più affollata al mondo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

  • Maxi evasione per oltre due milioni di euro, nei guai autonoleggio con finte sedi in Slovenia

Torna su
TriestePrima è in caricamento