Manuel Bortuzzo e Bebe Vio: "Non è mai finita se non lo decidi tu"

La campionessa di scherma paralimpico ha incontrato il giovane nuotatore, triestino di nascita. Manuel era stato visitato anche da Lele dei negramaro, dal gruppo trap "Dark Polo Gang", e infine ricevuto dal premier Giuseppe Conte

"Il dono piu' bello della vita: il sorriso. Non è mai finita se non lo decidi tu". Così commenta il padre di Manuel Bortuzzo postando su Facebook questa foto, realizzata nella Fondazione Santa Lucia, che ritrae Manuel insieme alla campionessa di scherma paralimpico Bebe Vio. Appena un mese fa il giovane atleta, nato a Trieste, era stato colpito da un proiettile durante una sparatoria a Roma, perdendo così l'uso delle gambe. 

Visite d'eccezione

Dopo aver incontrato Lele dei Negramaro, Manuel era stato visitato anche dal gruppo trap "Dark Polo Gang", e infine ricevuto dal premier Giuseppe Conte. Adesso, anche la popolarissima atleta ha deciso di condividere un momento con lui.

La forza di Manuel

A solo 32 giorni dall'intervento, Manuel era già in piscina per iniziare la riabilitazione, come dimostrato dal questo video. Un percorso riabilitativo affrontato con una forza di volontà e di spirito fuori dal comune. La determinazione che sta mostrando a tutto il paese sta diventando un esempio per molti, motivo per cui anche la più alta carica dello stato ha deciso di incontrarlo.  Sempre con il sorriso, parlando della tragedia appena successa, Manuel aveva dichiarato: "Se mi ritrovassi davanti chi mi ha sparato, probabilmente mi metterei a ridere, non ha senso quello che hanno fatto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

Torna su
TriestePrima è in caricamento