Di Finizio sull'Ursus da sette settimane, non mangia da 23 giorni

L'ex titolare de La Voce della Luna porta avanti la sua personale protesta da 51 giorni. Le squadre dei vigili del fuoco passano più volte al giorno a monitorare la situazione. Nel frattempo la ristrutturazione della gru aspetta i fondi ministeriali. Il punto della situazione

foto tratta da Facebook

Marcello Di Finizio è in cima all'Ursus da 51 giorni, 23 dei quali passati facendo lo sciopero della fame. Il già titolare de La Voce della Luna, locale andato in fiamme nel 2008 e dalle cui conseguenze l'attività di Di Finizio non si è mai ripresa. L'ex imprenditore triestino, che non è nuovo a manifestazioni eclatanti, ha iniziato la sua personale protesta il 22 maggio scorso salendo sullo storico pontone ormeggiato in porto vecchio. 

L'Ursus e i lavori da oltre tre milioni di euro

L'Ursus sarà interessata da importanti lavori di ristrutturazione, visto il passaggio di consegne tra il Comune di Trieste e l'Autorità Portuale siglato il 10 maggio e che prevede un intervento della durata di otto mesi, pagato anche con fondi ministeriali (quindi pubblici). Il numero uno del porto, Zeno D'Agostino, durante la conferenza stampa aveva sottolineato la volontà "che l'Ursus si mantenga nel tempo e che galleggi. Poi quelli che saranno gli utilizzi turistici o per diverse manifestazioni, questo noi non lo sappiamo". 

L'Ursus si rifà il look, lavori per oltre tre milioni di euro

Le parole di D'Agostino sull'intervento

Il presidente dell'Autorità Portuale, raggiunto al telefono, ha affermato che "la progettazione per quanto riguarda l'intervento da fare va avanti. La situazione al momento non preoccupa più di tanto". Con ogni probabilità, trattandosi di finanziamenti ministeriali la burocrazia sta facendo il suo corso e di conseguenza il tutto non si dovrebbe "sbloccare" rapidamente. Il progetto prevede l'utilizzo di oltre tre milioni di euro per rimettere in sesto lo storico pontone costruito all'inizio del Novecento.

La protesta arrivata al 51esimo giorno

Il presidio dei vigili del fuoco che monitoravano Di Finizio non è più operativo, ma le squadre del Comando provinciale passano diverse volte al giorno, di rientro da qualche intervento per controllare la situazione. L'ex titolare de La Voce della Luna nel frattempo continua a postare sulla propria pagina Facebook il racconto quotidiano della protesta. Il 19 giugno scorso l'ex imprenditore aveva indetto una conferenza stampa per spiegare alla stampa le motivazioni della sua personale lotta contro le istituzioni. 

Questa mattina, Di Finizio ha scritto un post sulla sua pagina Facebook. "Quello che vi posso dire che se sono salito qui su è perché ho bisogno soprattutto di essere coerente a me stesso, alle cose belle e anche quelle brutte che ho fatto e vissuto in tutta la mia vita. Ogni attimo vissuto con pienezza di sentimenti vale più di un'intera vita vissuta nel gregge". 

Nessuna intenzione di scendere

Negli ultimi giorni l'ex imprenditore ha vissuto attimi difficili, soprattutto nel weekend scorso quando il maltempo si è abbattutto su tutta la città, portando un violento temporale. Infine, la protesta va avanti da oltre sette settimane e Di Finizio, che non mangia da poco più di 20 giorni, non sembra intenzionato a scendere dal pontone. 

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento