Marina Militare affida all'università di Trieste studio sistemi elettrici di bordo

A Roma la firma della seconda fase del programma di ricerca denominato “Naval Smart Grid” da parte del Direttore del Dipartimento di Ingegneria e Architettura prof. Paolo Rosato

È avvenuta a Roma, presso la Direzione degli Armamenti Navali di Palazzo Marina, la firma della seconda fase del programma di ricerca denominato “Naval Smart Grid - Sistema elettrico integrato con caratteristiche di controllo e affidabilità per unità navali militari a propulsione elettrica” da parte del Direttore del Dipartimento di Ingegneria e Architettura prof. Paolo Rosato.

Il programma di ricerca è mirato a elevare il TRL (Technology Readiness Level) dei risultati ottenuti nella fase uno al fine di definire requisiti operativi e della progettazione elettrica delle nuove Unità Navali Militari a propulsione elettrica con sistema elettrico integrato in corrente alternata e ibrido in corrente alternata/continua.

In particolare, la fase due prevede l’individuazione di soluzioni innovative volte all’ottenimento di livelli prestazionali elevati per i sistemi elettrici integrati di bordo definiti nella fase uno. Questo al fine di conferire al sistema elettrico così delineato caratteristiche superiori in tema di Power Quality e gestione e controllo del sistema stesso, anche in vista della possibile futura integrazione a bordo nave di sensori di ultima generazione e carichi elettromagnetici di tipo impulsivo.

Il programma, del valore complessivo superiore al milione di euro, verrà svolto in ATS da Università di Trieste (mandataria), Politecnico di Milano e Sapienza- Università di Roma, che hanno lavorato in partnership sin dalla fase uno. L’aggiudicazione da parte dell’Università di Trieste riconosce e consolida la posizione che il gruppo di ricerca del Laboratorio EPGC (grid connected & marine Electric Power Generation and Control) del Dipartimento di Ingegneria e Architettura ricopre nel campo dello studio delle applicazioni elettriche navali.

Il responsabile scientifico del Laboratorio EPGC prof. Giorgio Sulligoi, docente di Gestione e Controllo degli Impianti Elettrici e di Impianti Elettrici Navali presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura, ha   dichiarato: «lavoriamo nel settore da quindici anni, abbiamo collaborato e stiamo collaborando con i più importanti soggetti al mondo, pubblici e privati: armatori (Carnival, Princess, Marina Militare), enti di ricerca (CNR, Office of Naval Research), università (Politecnico di Milano, Sapienza, Udine, RWTH-Aachen, Texas Austin, MIT, Aalborg, TU-Eindhoven, UC-Dublin), aziende (Fincantieri, Monte Carlo Yachts, Nidec-ASI, ABB, Wartsila e molte altre ancora) registri navali (Lloyd’s Register of Shipping, RINA), il cluster delle tecnologie marittime Mare TC-FVG, l’Autorità Portuale di Trieste e non ultima la Regione FVG che ci ha supportato fin dalla fase di start up delle attività di ricerca.»

Prosegue il prof. Sulligoi, «i nostri ricercatori hanno partecipato e presentato i loro risultati di ricerca nelle principali conferenze al mondo, siamo co-fondatori come Università di Trieste della conferenza internazionale ESARS-ITEC sul tema dei sistemi elettrici per i trasporti, organizziamo annualmente un evento nazionale a Trieste sulle applicazioni elettriche di bordo (l’ultimo poche settimane fa sul tema delle navi ibride diesel-elettriche e a gas; a settembre ne seguirà uno sugli smart ports)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude infine Sulligoi: «Il cluster industriale/tecnologico e scientifico del nostro territorio ci permette di competere ai massimi livelli nel campo delle applicazioni elettriche di bordo, che sono una delle tecnologie marittime fondamentali: le navi infatti stanno diventano sempre più elettriche ed elettroniche, vere e proprie “smart vessels”; i fondi derivanti dal finanziamento destinabili alle attività di ricerca verranno interamente reinvestiti nel laboratorio EPGC secondo due priorità: migliorare i nostri assetti e, soprattutto, aprire posizioni per giovani ricercatori al fine di attrarre ulteriori talenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento