Dalla chiusura di Masè alla nuova attività, apre la “Salumeria di Jessica" (FOTO)

Una storia che parla di coraggio, grinta e voglia di rincominciare

Si chiama Cominotto Jessica e forse la sua storia sarà d'ispirazione per molte altre persone che si sono trovate ad affrontare una situazione simile. La sua è una storia che parla di coraggio, grinta e voglia di rincominciare.
Jessica comincia a lavorare da Masè nel 2005. Dopo tanto impegno, nel 2014, diventa responsabile del punto vendita di largo Barriera. Un percorso pieno di gratificazioni che le ha portato sicuramente una grande crescita personale e tanta esperienza. Purtroppo il  31 luglio il punto vendita chiude.
Dopo quasi dieci anni di lavoro Jessica, invece di arrendersi, decide di mettersi in gioco.
«Assieme ad un mio ex collega, Roberto Lai, ho deciso di aprire un'attività tutta mia e di assumerlo come collaboratore. La mia avventura è cominciata pochi giorni fa e sono entusiasta» ci ha raccontato la giovane 31enne che da giovedì ha aperto le porte della "Salumeria di Jessica" proprio vicino a Largo Barriera, in via Carducci.
«Desidero ringraziare mio marito e i miei genitori perchè sono stati preziosi per me e mi sono stati vicini. Inoltre, la cosa più bella, tutti i clienti del mio ex negozio sono entusiasti e si sono dimostrati sempre fedeli» ha aggiunto Jessica, orgogliosa del suo nuovo spazio.
«La mia idea è quella di creare una salumeria giovane ma  che allo stesso tempo conservi la qualità e l'accoglienza di quelle che operano nel settore già da anni» conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento