Maxi furto di cellulari alla Tim di piazza della Borsa: 500 smartphone rubati "a rate"

Sul caso stanno indagando i Carabinieri grazie all'ausilio delle telecamere di sicurezza: dito puntato contro alcuni dipendenti e complici esterni

Lo scorso mese di dicembre ai Carabinieri di via dell'Istria è giunta una denuncia per il furto di circa 500 telefoni cellulari subito dal negozio Tim di piazza della Borsa: la particolarità del caso stava nel fatto che non si era trattato di un unico colpo messo a segno da una banda, magari di notte, ma di diversi ammanchi nel corso di alcuni mesi; la denuncia sarebbe partita in "ritardo" proprio a causa della modalità "a rate" dei furti che ha reso meno evidenti i disavanzi.

I militari dell'Arma hanno ovviamente sfruttato il sistema di videosorveglianza del negozio e della zona di piazza della Borsa, passando in rassegna tutte le centinaia di clienti che si recano all'interno durante il giorno, fino a individuare i responsabili dei furti: secondo delle indiscrezioni alcuni dipendenti sarebbero già stati sospesi in via precauzionale, ma ci sarebbero dei complici esterni che li avrebbero aiutati a portare la merce all'esterno.

I cellulari, ancora nella loro scatola sigillata, sarebbero stati venduti al mercato "nero" o sul web. 

Potrebbe interessarti

  • Scutigera, cos’è e perché non conviene ucciderla

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

I più letti della settimana

  • Trovato senza vita in mare: addio al fotografo Guido Cecere

  • Fuoriesce del materiale radioattivo, tre operai all'ospedale

  • Euro 6, le novità sulle vetture di nuova immatricolazione

  • Allerta meteo: in arrivo forti temporali su tutto il FVG

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

  • Triestina-Juventus al Rocco sabato sera, manca solo l'ufficialità

Torna su
TriestePrima è in caricamento