Medico indagato: "Sedazione per morte imminente è terapia"

Lo ha sostenuto ieri il medico accusato di essere coinvolto nelle morti di quattro persone, davanti al Gip del Tribunale

"La sedazione in occasione di morte imminente è una terapia medica a tutti gli effetti". Lo ha sostenuto ieri il medico accusato di essere coinvolto nelle morti di quattro persone, davanti al Gip del Tribunale di Luigi Dainotti, nel corso di un interrogatorio. Lo riferisce all'ANSA l'avvocato difensore Alberto Fenos precisando che "si è trattato di una seduta assolutamente serena e pacifica, visto che il mio assistito ha risposto a tutte le domande che gli venivano poste, anche dai pubblici ministeri presenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Nuovi concorsi in Comune: aperti 8 posti a tempo indeterminato

Torna su
TriestePrima è in caricamento