Mensa Polizia, SAP: "Aumento prezzi è una 'porcata'"

"Un collega lontano da casa che ha bisogno di usufruire della mensa e vi si reca per circa 20 giorni al mese, andrebbe a spendere di più di quanto lo pagano stando all’ultimo contratto. Si parla di un aumento di 50 euro al mese"

Aumentano le tariffe per la mensa della Polizia, e il SAP protesta. Il volantino diffuso online definisce il provvedimento "una porcata. Una vera e propria legnata per i colleghi quella di portare da 3,10 euro a 5,50 euro il costo giornaliero per usufruire della mensa. A cosa serve sostituire le convenzioni da 4,65 euro con il buono pasto da 7 euro, oppure introdurre il doppio pasto se poi un servizio importante, come quello della mensa, viene aumentato di ben 2,40 euro, ovvero il 77% in più?"

Gli aumenti

"Facendo qualche minimo calcolo - continua il SAP -, un collega lontano da casa che ha bisogno di usufruire della mensa e vi si reca per circa 20 giorni al mese, andrebbe a spendere di più di quanto lo pagano stando all’ultimo contratto. Si parla di un aumento di 50 euro al mese. Noi non ci stiamo".

La 'battaglia del pane'

"Con l’ultima riunione presieduta dal direttore centrale dei servizi di ragioneria Ricciardi - spiega il sindacato - il Dipartimento ritiene praticamente chiusa la lunga fase di rivisitazione del servizio mensa. Quello che intendevamo fare nel 2014 e che noi del SAP abbiamo bloccato con la forte iniziativa denominata la 'battaglia del pane', vorrebbero realizzarlo adesso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bubone innovazioni

Un annuncio che, secondo il SAP nazionale, "ha messo in ombra le buone innovazioni introdotte dalla circolare in uscita. Per esempio il posto dei servizi di OP finalmente dovrebbe essere fornito rispettando criteri più stringenti ed adeguati, evitando orari insensati, prevedendo modalità di consumo decorose, predisponendo per i pranzi non sacchetti 'mordi e fuggi' e privilegiando l’accesso a mensa e convenzioni con ristoranti laddove possibile. Buono pure il passaggio alla somministrazione dei generi di conforto con buoni informatori e troni co caricati su tessera magnetica".

Foibe, Sap: "Tragedia da non dimenticare affichè non accada più"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus in Fvg: rallentano i contagi e i decessi, guarite 102 persone

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento