Migranti, Torrenti: «Regione sovraccaricata, necessario alleggerimento»

Lo ha affermato l'assessore regionale all'Immigrazione Gianni Torrenti

«Sono state purtroppo confermate le preoccupazioni che avevamo rispetto ad un eccessivo affollamento della struttura, e quindi abbiamo chiesto a Roma di continuare l'alleggerimento delle presenze».  
 
Lo ha affermato l'assessore regionale all'Immigrazione Gianni Torrenti, commentando gli scontri avvenuti all'interno della ex caserma Cavarzerani di Udine tra afghani e pakistani, dove sono ricoverati i richiedenti asilo.

«Anche dopo lo spostamento dei 200 degli ultimi giorni - ha aggiunto Torrenti - stiamo avvertendo un peso eccessivo in termini numerici, ed è notorio che si controllano meglio gruppi ridotti. Giova ripetere che qui non è questione di buonismo o accoglienza a tutti i costi, ma solo di capacità di organizzazione».

«Confidiamo perciò sulla solidarietà delle altre regioni per l'accoglienza delle persone che vengono spostate dal Friuli Venezia Giulia, dove - ha concluso l'assessore - giungono direttamente come accade per gli sbarchi nel Mediterraneo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento