Mini mu a San Giovanni, da sabato 11 giugno le opere fotografiche di Giovanni Favero

La mostra proseguirà fino al 10 settembre, con orario di visita il lun / mer / ven dalle 16.00 alle 18.00

Sabato 11 giugno 2016, alle ore 18.30, nello spazio espositivo del Mini mu (a Trieste, all’interno del comprensorio del parco di san Giovanni, via E.Weiss n. 15) si terrà l’apertura della mostra di opere fotografiche di Giovanni Favero, presentata dal prof Giancarlo Torresani, direttore artistico TPD “Trieste Photo Days”. Il titolo della mostra è “Dolomiti”.

Favero è un autore che proviene da quell’area culturale che ha le sue radici più profonde nel culto del reportage e nell’osservazione del particolare naturalistico, e che in ambito fotografico possiamo far risalire fino alla forza espressiva di un padre putativo della statura di Ansel Adams. Ecco, in questo ambito in cui la rappresentazione guarda all’assoluto più che al particolare, s’inseriscono i lavori proposti in questa mostra. Si tratta di foto impeccabili, stampate in b/n, in medio e grande formato. Il tema è quello delle Alpi ovvero di un ristretto orizzonte geografico, dove uomini, animali e testimonianze culturali sono del tutto assenti: il silenzio domina in queste inquadrature.

I lavori qui esposti privilegiano un uso controllato e meditato di soggetti e materiali sensibili all’effetto monocromatico, volendo così prendere le distanze, a un tempo, dalla contemporaneità tecnologica (oramai pervasa dalle relative manipolazioni informatiche) oltre che dalla ridondanza cromatica di tante immagini pubblicitarie. È questa un’operazione che permette all’autore di guardare alla realtà ritratta, con un certo disincanto, ma anche con una memoria storica che non si lascia scavalcare dal sentimento della pittura: le opere dei grandi vedutisti veneti, al pari di quelle della pittura divisionista, esistono in quanto eventuale punto di riferimento, e non quali modelli proponibili. Le atmosfere, caratterizzate da cieli spesso corruschi, evidenziano il tormento di una terra aspra, forte, difficile da dominare, e dalla quale l’uomo viene facilmente messo ai margini. Con queste immagini l’autore vuole trasmetterci semplicemente le sensazioni di allargamento dello spirito che lui ha provato durante alcune campagne fotografiche condotte “ad alta quota”. Si tratta allora di immagini “facili” nella loro comprensibilità, eppure difficili nella purificazione formale che le sottintende. Là dove la forma conchiusa trova la sua ragione d’essere nell’iterazione del tema, la narrazione nel perdere il suo soggetto primo (l’uomo e la scansione temporale delle sue azioni), riconduce il tutto al bisogno di una scoperta continua: non più verità, bensì condizione soggettiva; e queste immagini ne divengono il segno incontrovertibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La serata, realizzata sotto l’egida della Provincia di Trieste, è stata organizzata dall’Associazione Juliet.  Il rinfresco viene offerto da Azienda Agricola Sandi Škerk. La mostra proseguirà fino al 10 settembre, con orario di visita il lun / mer / ven dalle 16.00 alle 18.00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento