"Miramare chiama Trieste risponde", 200 triestini: centinaia di begonie e alabarda nel parco (FOTO)

Ogni triestino doveva portare con se una begonia (bianca, se il cognome iniziativa dalla A alla L, rossa con il cognome M- Z)

Oltre 200 triestini hanno preso parte stamattina all’iniziativa “Miramare chiama Trieste risponde”, manifestazione partita da Facebook ed organizzata dai gruppi “Nimdvm”, “Te son de Trieste se”, “Volontari per Trieste pulita” e “Semo triestini e po bon”.

Ogni triestino doveva portare con se una begonia (bianca, se il cognome iniziativa dalla A alla L, rossa con il cognome M- Z).

Alberto Kostoris, presidente del gruppo “Nimdvm” riferisce che «l’iniziativa è nata casualmente. Nel nostro gruppo venivano spesso pubblicati post che lamentavano il degrado nel parco. Un utente qualche giorno fa ha scritto che basterebbe che ognuno portasse una piantina ed il parco rifiorirebbe in brevissimo tempo. Da lì è partita l’idea, ne ho parlato con Max Tramontini responsabile del gruppo “Te son de Trieste se” ed è partita l’iniziativa che ha avuto un ottimo risconto da parte dei triestini».

«Noi – continua Kostoris -  non possiamo piantare le begonie in quanto il parco non è nostro e non siamo neppure giardinieri. Ho scritto al dottor Caburlotto che oggi avremmo donato centinaia begonie al parco. Non so sinceramente quanto lui abbia gradito questa nostra iniziativa in quanto mi ha risposto precisando  che non si possono abbandonare fiori nel parco. Ma io ho replicato che noi non abbandoneremo nulla, ma doneremo tutte queste piantine per rilanciare il nostro amato parco. Non mi aspettavo la risposta, anche se sono deluso dal tono della stessa».

«Per quanto riguarda eventuali prossime iniziative nel parco, - conclude Alberto – voglio sottolineare che come sempre noi vogliamo dare dei segnali, non possiamo risolvere situazioni. E’ un segnale rivolto a chi ha il potere di risolvere questo annoso problema e di quanto i triestini ci tengono al parco con un affetto incredibile, avendo trascorso intere giornate qui sin da quando eravamo in carrozzina da neonati. Poi, per quanto concerne il turismo, i dati sono assolutamente eclatanti, basti pensare che nel periodo pasquale il parco di Miramare ha avuto più visitatori di Pompei».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento