A Monfalcone affisso il primo cartello che vieta burqa e niqab

Il divieto, previsto dal Regolamento di Polizia Urbana approvato dal consiglio comunale nel maggio 2017, è stato ufficializzato oggi con il primo cartello, collocato all'ufficio anagrafe di via Duca d'Aosta. Multe tra i 50 e 300 euro per chi violerà la disposizione

A Monfalcone, negli uffici comunali sono vietati niquab e burqa. Ma non solo: sono proibiti anche in tutte le strutture di cui l'ente è proprietario, ovvero scuole, asili, palestre e campi sportivi.

Così è previsto dal Regolamento di Polizia Urbana, approvato dal consiglio comunale nel maggio 2017 ma il divieto, come specificato da Il Friuli, è stato ufficializzato oggi, 28 novembre, con il primo cartello, collocato all'ufficio anagrafe di via Duca d'Aosta. Sul cartello si legge "per ragioni di sicurezza è vietato l'ingresso con il volto coperto", scritta rafforzata da tre figure barrate: un casco, un velo islamico e un passamontagna.

Da domani si procederà a collocare i cartelli di divieto in tutti gli altri luoghi previsti dal Regolamento di Polizia Urbana. Previste multe tra i 50 e 300 euro per chi violerà la disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento