Morto Dario Fo, il cordoglio del presidente del Consiglio regionale Iacop

La scomparsa questa notte a 90 anni del grande artista italiano, famoso anche per il suo impegno politico e sociale

Il cordoglio per la scomparsa di Dario Fo è stato espresso dal presidente del Consiglio regionale del Fvg Franco Iacop. Uomo di teatro in ogni sua accezione, con il premio Nobel per la letteratura nel 1997 ha ottenuto un riconoscimento internazionale a livello personale e per il teatro e la cultura del nostro Paese.

Dario Fo, il giullare, attore, drammaturgo, regista, scenografo, scrittore e pittore. Un grande intellettuale italiano morto a 90 anni dopo un ricovero all'ospedale Sacco di Milano di 12 gioni, per problemi polmonari.

Nel 1997 fu insignito del premio Nobel per la letteratura e nella sua lunghissima carriera di artista ha prodotto un imponentissimo corpus drammaturgico con più di cento opere teatrali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nato il 24 marzo del 1926 a Sangiano, un paesino del lago Maggiore, Dario Fo, insieme alla moglie Franca Rame, anch'essa scomparsa a Milano il 23 maggio del 2013, avevano prodotto numerose opere di satira politica e in ambito sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento