Manifesto sulle Leggi razziali, la Dirigente del Petrarca non ci sta e respinge le accuse

Cesira Militello risponde alle critiche dell'assessore alla Cultura Giorgio Rossi: "Alla richiesta di "co-organizzazione, inviata dal Liceo Petrarca il 25 maggio 2018, non è mai pervenuta alcuna risposta". L'amarezza degli studenti

Cesira Militello, Dirigente del Liceo Petrarca di Trieste, non ci sta e risponde al comunicato dell'assessore alla Cultura Giorgio Rossi, affermando che "alla richiesta di "co-organizzazione, inviata dal Liceo Petrarca il 25 maggio 2018, non è mai pervenuta alcuna risposta". Una vicenda che ha provocato reazioni delle diverse rappresentanze politiche locali e regionali, la cui eco è giunta fino a Roma e nelle principali redazioni dei quotidiani nazionali e di cui ne ha scritto anche Enrico Mentana.  

La reazione dellla Dirigente

"In risposta all’intervento di ieri dell’Assessore Rossi, respingo fermamente tutte le accuse che mi vengono rivolte. Preciso inoltre quanto segue: - alla richiesta di co-organizzazione, inviata dal Liceo Petrarca il 25/5/2018, non è mai pervenuta alcuna risposta; l’assenza di risposta non poteva e non doveva essere interpretata come una accettazione da parte del Comune, a maggior ragione perché era stato richiesto un contributo finanziario per sostenere i costi relativi alla pubblicità dell’evento". 

L'inizio della vicenda 

La comunicazione del 3 settembre

"Alla comunicazione inviata dal Liceo il 3 settembre - continua la DIrigente - che chiedeva di specificare le modifiche al manifesto, nessuna risposta è pervenuta dal Comune che affermasse che non c’era alcuna variazione da apportare; il Sindaco ha pacificamente ammesso di aver richiesto la modifica del manifesto, indicando le sue motivazioni. Da tutto questo è derivata la decisione di rinunciare alla Sala del Comune, assunta congiuntamente dal Liceo e dal Dipartimento di Studi Umanistici. Spiace che l’Assessore Rossi indirizzi ad una dirigente dello Stato l’invito a “muoversi ad inviare agli uffici una comunicazione formale” per poter avere a disposizione la Sala del Comune".

Il dietrofront del Comune

L'amarezza degli studenti

"Spiace ancora di più che gli studenti che frequentano il Liceo Petrarca, e in particolare i bravissimi studenti della 5I, siano stati coinvolti in questa vicenda e non abbiano visto ancora adeguatamente valorizzato il loro lavoro. Sarà mio impegno fare in modo che la mostra sia realizzata comunque, nelle sedi e nelle date opportune: per gli studenti, i docenti che li hanno guidati e per tutta la città" ha concluso la Militello. 

Il comunicato dell'assessore alla Cultura

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento