Porta a porta Muggia: al via nuove soluzioni integrative

Litteri: «Auspichiamo che venga colta l’opportunità che l’area rappresenta e che venga utilizzata responsabilmente»

Un’area riservata in piazzale ex Alto Adriatico per il conferimento di plastica, carta e cartone ed una zona dedicata nell’area di Caliterna, con apertura a chiave e raccolta 5 giorni a settimana (nelle giornate di lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato), per secco residuo, più le isole di via Roma 22 e Piazzale Caliterna per rifiuti organici, vetro e barattolame per i quali resta possibile il conferimento quotidiano.
È questa la soluzione adottata dopo la chiusura di ieri dell’area rifiuti che sperimentalmente era stata dedicata ai locali del centro storico, chiusura in parte dovuta anche all’utilizzo scorretto da parte di alcuni degli aventi diritto.

«Auspichiamo che venga colta l’opportunità che l’area rappresenta e che venga utilizzata responsabilmente. Nei primi giorni si sono infatti riscontrate diverse anomalie di conferimento e sarebbe davvero un peccato che si reiterassero, perché per i comportamenti di qualcuno ne farebbero le spese tutti, anche chi ha dimostrato di essere diligente e rigoroso» aveva dichiarato l’assessore Laura Litteri presentando questa soluzione che aveva voluto dare risposta a quanto emerso dagli incontri specifici ed a quanto suggerito dagli stessi gestori di pubblici esercizi, soprattutto del centro storico, che avevano manifestato ancora delle difficoltà organizzative ad adeguarsi al sistema porta a porta.

Un’opzione che andava e va, anche con queste nuove modalità offerte, a integrare - e non a sostituire  - il sistema di raccolta porta a porta, che si continuerà a garantire secondo il consueto calendario e che in tutto il territorio sta dando risultati davvero buoni già da questo primo periodo di avvio del nuovo sistema di raccolta differenziata PAP.
È proprio di fronte al grande impegno profuso dai cittadini muggesani ed ai buoni risultati che grazie a loro stanno emergendo che gesti quali quelli dell’abbandono di rifiuti di fronte al Municipio riscontrato stamattina non vanno enfatizzati.

«Sono singole manifestazioni polemiche e di maleducata protesta che nulla hanno a che vedere con l’approccio proficuo della maggior parte della cittadinanza che anche nel lamentare talune criticità ancora esistenti lo fa in modo corretto e collaborativo.A nche grazie alle loro segnalazioni si stanno affrontando i problemi ancora presenti per poter dare loro quanto prima delle concrete risposte- aggiunge l'amministrazione -».
Sempre per dare una soluzione alle singole problematicità segnalate dall’utenza, si è previsto che coloro che utilizzano dispositivi sanitari per l’incontinenza e le famiglie con bambini da zero a tre anni possono usufruire di una seconda giornata di asporto settimanale a loro dedicata. Se necessario, gli utenti possono, inoltre, richiedere un bidone aggiuntivo da destinare a questo tipo di raccolta.

A tal fine, il servizio può essere richiesto utilizzando l’apposita domanda scaricabile sul sito del Comune di Muggia che va consegnata all’Ufficio Protocollo, aperto in piazza Marconi 1, primo piano, dal lunedì al venerdì con orario 9:00 - 12:00 e il lunedì e il mercoledì pomeriggio dalle 15:00 alle 16.30.
La domanda può, inoltre, essere trasmessa anche a mezzo posta o via e-mail all’indirizzo protocollo@comunedimuggia.ts.it. o, in alternativa, all’Ufficio Sviluppo energetico e Ecologia ambientale, all’indirizzo silvio.lettich@comunedimuggia.ts.it, indicando nell’oggetto “Richiesta secondo giro secco”.  

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

  • Arredamento, le tendenze più in voga del 2019

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Annegato a Barcola, il cuore del ragazzo batte ancora

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento