Dorme su un'amaca ai Topolini: 300 euro di multa a un turista austriaco

L'uomo è stato sorpreso a dormire su un'amaca che aveva appeso tra due alberi all'altezza del 2° e 3° Topolino. Appendere qualunque struttura agli alberi è vietato dal Regolamento del Verde Pubblico

Appende un'amaca tra due alberi e ci dorme dentro: scatta la sanzione della Polizia Locale per 300 Euro. È successo ieri pomeriggio verso le 16 ai Topolini di Barcola: l'uomo è stato sorpreso a dormire su un'amaca che aveva appeso tra due alberi all'altezza del 2° e 3° Topolino. A richiesta degli operatori l'uomo ha esibito documenti d'identità: si trattava di un 52enne austriaco con iniziali M.P.G.R.T., che si trovava in vacanza in Italia. Il turista è stato quindi sanzionato per la violazione all'art. 36 del Regolamento del Verde Pubblico (che prevede il divieto “Negli spazi a verde di cui all’art. 2" è vietato“appendere agli alberi e agli arbusti strutture di qualsiasi genere”).

L'impegno della Polizia Locale

L'impegno della Polizia Locale sul lungomare di Barcola, si dichiara in una nota stampa, è volto a vigilare su situazioni quali incremento del traffico (criticità su sicurezza stradale e soste); attività commerciali (chioschi, furgone dei gelati, venditori ambulanti); situazioni di degrado (bivacchi ed abusivismo commerciale); microcriminalità (furti, vandalismi); fruibilità dei servizi balneari.

Mendicanti, ubriachi, "abusivi": 13 denunce e 26 sanzioni in giugno

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento