Multe in viale Miramare, Dipiazza: «Per 4 cretini paghiamo tutti»

«Adesso con Paolo Polidori stiamo portando avanti un servizio di bus e ci sono già i 65 posti vicino alla Sissa»

«Per 4 cretini che hanno parcheggiato sotto a galleria naturale ora paghiamo tutti» dichiara il sindaco Roberto Dipiazza a Ring su Telequattro, intervistato da Ferdinando Avarino sulla raffica di multe in viale Miramare una settimana fa: «È passato chi di dovere, ha avvertito la Prefettura che ci ha chiamato, è partito prima il Comune di Duino Aurisina con le multe, io ho anche installato un avviso avvertendo che sarebbero scattate le contravvenzioni e così è stato. Ho anche parlato col mio comandante Walter Milocchi, che dopo aver parlato col procuratore ha detto che non si poteva fare altrimenti». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per pochi cretini paghiamo tutti. Abbiamo sentito Sticco, che è preoccupatissimo, e adesso con Paolo Polidori stiamo portando avanti un servizio di bus. Ora abbiamo quei 65 posti vicino alla Sissa anche se non sono la soluzione». Un parcheggio con tariffe alte, si parla di 7 euro ogni 3 ore, obiezione alla quale il sindaco risponde: «Allora non va mai bene niente! Quello era nato per i turisti, non per i triestini. Ora rivedremo con Esatto o chi di dovere la situazione, ma è una questione privata e non si può risolvere così».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento