Nadia Toffa torna in tv dopo il malore di Trieste: «Ho avuto un cancro»

La conduttrice parla per la prima volta della malattia, dopo il malore che l'ha colpita lo scorso 2 dicembre

«Ho avuto un cancro. In questi due mesi mi sono curata e adesso ve ne posso parlare perché è tutto finito». Queste le parole di Nadia Toffa, tornata in tv stasera 11 febbraio al timone del programma "Le Iene", dopo il malore che l'ha colpita lo scorso 2 dicembre a Trieste. «Meravigliosi medici mi hanno operata e hanno tolto il cancro al cento per cento. Poi ho fatto radio e chemioterapia preventiva, perché poteva esserci una piccola cellula rimasta che la tac non vedeva. Ho concluso le terapie il 6 febbraio, una data per me molto importante».

«Non mi vergogno di niente»

Nadia ha sempre vissuto il percorso di recupero nella massima discrezione, fino a stasera. «Le persone che sapevano della malattia si contavano sulle dita di una mano, ma ora voglio condividere tutto con voi perché ve lo meritate, visto l'affetto che mi avete dimostrato», ha spiegato commossa. Accanto a lei, i colleghi Nicola Savino e Matteo Viviani, visibilmente provati dalla confessione. «In più penso che non ho niente di cui vergognarmi, né dei chili che ho perso, né della parrucca che indosso stasera».

Quindi il racconto degli ultimi mesi: «Subito dopo il malore mi hanno fatto un check up. Ho affrontato questa cosa con ottimismo, ci ho messo tutta la mia energia, ma ci sono stati anche momenti difficili. Perché quando vedi la prima ciocca di capelli che ti rimane in mano è una cosa fisica molto forte. In quel momento ho pensato a Gabriella, una bambina di Taranto che ho incontrato tempo fa in occasione di un servizio e che, nel raccontarmi la sua battaglia contro il cancro, mi ha detto di aver pianto per aver perso i capelli, poiché li aveva molto lunghi. Ho pensato che se ce l'aveva fatta lei, uno scricciolo come Gabriella, potevo farcela anche io. Il tuo pensiero mi ha aiutata, Gabriella, e devo ringraziarti, ti devo un favore».

«Le uniche cure contro il cancro sono la radio e la chemio»

Poi un messaggio al pubblico. «Ancora più a gran voce», ha spiegato. Ovvero quello di non affidarsi a terapie "farlocche": «Voglio dire un’ultima cosa: ho fatto tanti servizi di persone che dicono di guarire il cancro con pomate e acqua fresca. Ci sono tante cose che contano, lo stile di vita e l’umore. Ma non si parte senza chemio e radio. Dal profondo del cuore: le uniche cure contro il cancro sono la chemioterapia e la radioterapia».

«Noi non vogliamo essere trattati da malati, ma da guerrieri», ha concluso la conduttrice, che ha aggiunto: «Chi combatte contro il cancro è un figo pazzesco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento