Nas negli ospedali Fvg, Serracchiani: «Situazione regolare, senza malfunzionamenti»

Il Fvg è stato in grado di fronteggiare il problema degli affollamenti ai Pronto Soccorso, uno dei problemi più evidenti segnalati dal Nucleo

I recenti controlli svolti dai Carabinieri dei Nas nei Pronto Soccorso della gran parte delle strutture ospedaliere del Friuli Venezia Giulia, nel quadro delle ispezioni a tappeto che in queste settimane hanno riguardato tutta Italia, hanno registrato ad oggi una situazione regolare, senza malfunzionamenti.

A riferirlo alla presidente della Regione, Debora Serracchiani, e all'assessore alla Salute, Maria Sandra Telesca, sono stati i direttori generali del Sistema Sanitario Regionale riuniti oggi a Udine per fare il punto sull'attuazione della riforma e affrontare la pianificazione per il 2017.

I Nas hanno ispezionato in Italia 200 strutture, mobilitando 600 Carabinieri; il risultato di questo piano di controllo sono state una ventina di sanzioni amministrative, una decina di persone deferite all'Autorità giudiziaria, la chiusura di una sala operatoria a Ragusa, oltre al sequestro di farmaci scaduti. Ma il problema più evidente segnalato dal Nucleo è stato quello degli affollamenti ai Pronto Soccorso dove, soprattutto nelle grandi città, in alcuni casi è stato registrato un numero di accessi pari al doppio della media.

«A fronte di questo quadro piuttosto critico rilevato dai Carabinieri in molte strutture italiane, in Friuli Venezia Giulia invece gli operatori hanno saputo fare fronte a questo momento di emergenza che ha coinvolto tutti gli ospedali d'Italia anche a causa dei picchi influenzali», ha fatto notare la presidente.

Ad oggi sono stati controllati dai Nas gli ospedali di Trieste, Pordenone, Gorizia, Udine, Cividale, Tolmezzo, Gemona, San Daniele, Latisana, San Vito al Tagliamento, oltre che l'ospedale pediatrico Burlo Garofolo del capoluogo giuliano. Serracchiani ha ringraziato i direttori «per il lavoro straordinario» svolto finora e che ha portato a concreti risultati sulle grandi questioni a cui la riforma sanitaria deve porre soluzione. Con la consapevolezza che «grande parte del lavoro è stato svolto», Serracchiani ha invitato tutti i vertici delle Aziende a continuare con la massima attenzione a porre al centro del loro operato il percorso degli utenti. «Occorre prestare massima attenzione ai dettagli, anche i più piccoli - ha osservato Telesca - per agevolare il percorso di cura dei pazienti e continuando la lavorare sul miglioramento della risposta dei Pronto soccorso e alla soluzione dei tempi lunghi delle liste d'attesa per cui abbiamo già previsto alcune disposizioni nelle Linee di gestione».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • MSC Crociere e Fincantieri svelano la nave più grande mai costruita in Italia

  • Trovato senza vita il 58enne triestino scomparso in Istria

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Schianto tra moto e scooter in via Fabio Severo: tre feriti a Cattinara

  • Virtus Verona-Triestina 3 a 2 | Le pagelle: brutti e imprecisi, si salva solo Granoche

  • "Estetique B&B" apre in via San Nicolò, la seconda sfida dei 23enni Kevin e Matteo

Torna su
TriestePrima è in caricamento