Appalti "truccati" per 1 miliardo, la Procura: "Nessuna infiltrazione mafiosa"

Lo ha dichiarato il Procuratore Capo di Gorizia Massimo Lia durante la conferenza stampa. "Non ci sono pericoli dal punto di vista della sicurezza e non sono state registrate infiltrazioni mafiose". Le indagini coinvolgono 14 regioni italiane

"Non ci sono pericoli dal punto di vista della sicurezza", e "assolutamente non sono state registrate infiltrazioni mafiose". È questo il commento, riportato da Ansa, del Procuratore Capo di Gorizia Massimo Lia in merito alla maxi operazione "Grande Tagliamento" che coinvolge centinaia di soggetti in tutta Italia e che ha "colpito" anche la nostra regione. Le indagini sono partite dal Comando Provinciale di Gorizia circa un anno e mezzo fa e questa mattina sono state diramate le prime comunicazioni riguardanti gli esiti preliminari. 

Le indagini

Coinvolte centinaia di società

Il Procuratore Capo di Gorizia ha affermato che è "escluso al momento anche il coinvolgimento di politici". Le opere oggetto di indagine tra le altre cose, come ha ricordato Lia "non sono tutte concluse, e non ci sono provvedimenti di blocco o sequestri di cantieri, di lavori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Cede un ramo, volo di 20 metri in via Commerciale: gravissimo

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • La Regione conferma il blocco totale, Fedriga firma una seconda ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento