Paletti metallo via D'Alviano, Assessore Polli: «Li abbiamo eliminati tutti portando in sicurezza la zona» (FOTO)

L'assessore all'Urbanistica Luisa Polli non ha lasciato passare molto tempo dalla segnalazione dell'istruttore di guida motociclistica Manlio Giona sulla pericolosità dei paletti apposti in via D'Alviano per la pista ciclabile

Lo aveva detto e così è stato, l'assessore con deleghe su città territorio, urbanistica e ambiente, Luisa Polli aveva dichiarato meno di 20 giorni fa che avrebbe risolto il problema di sicurezza riportato dall'istruttore di guida motociclistica Manlio Giona, sulla presenza di alcuni paletti di metallo nei "curvoni dei gasometri" in via Bartolomeo D'Alviano.

Ieri lo stesso Manlio Giona, in un sopralluogo sul posto incriminato, ha potuto constatare che i pericolosi paletti sono stati asportati nella loro totalità.

luisa polli-2-2-2 L'assessore Luisa Polli: «Abbiamo tolto i paletti che sicuramente rappresentavano un pericolo, e lo abbiamo fatto sia in via D'Alviano che in via Orlandini. Come utilizzatrice giornaliera di scooter e moglie di un motociclista di lunghissima esperienza sono sensibile ai problemi delle due ruote e in brevissimo tempo abbiamo riportato in sicurezza quel tratto di strada, e non solo». L'assessore Polli invita inoltre gli automobilisti a parcheggiare negli appositi tracciati per le autovetture e non parcheggiare sulla zona della pista ciclabile.

  Manlio Giona d alviano-3-2-2 Ciclabile via D'Alviano 2-2

L'istruttore Manlio Giona: «È da dire che i motociclisti di trieste hanno ottenuto in tempi brevissimi un grande risultato per la loro sicurezza. Nella gioia di poter annunciare questo risultato ricordo che anche a 20 all'ora un paletto che colpisce una persona che scivola a terra può provocare lesioni gravissime ed anche la morte. Pensiamo ai ragazzi che certamente di sbagli ne commettono, soprattutto andando oltre i limiti (cosa che non va bene assolutamente, n.d.r.), ma certo non meritano di lasciare la vita o rimanere paralizzati su un paletto di ferro. Purtroppo non tutti hanno questa sensibilità e il messaggio sui social non è stato compreso appieno e alcuni hanno anche scritto che in casi del genere il motociclista "se l'è cercata"».manlio giona-2

Continua ancora Giona: «L'altra obiezione molto gettonata sui social è stata: allora dovremmo togliere tutti i pali e paletti che ci sono in giro per le strade cittadine e non. Certo che un lavoro del genere sarebbe quasi irrealizzabile, non per questo si deve continuare a porre ostacoli pericolosi  se non strettamente necessari. Ricordiamoci che motociclisti, automobilisti o ciclisti che in caso di incidente colpa loro o no, possono farsi male. Se in seguito all'incidente però impattano su ostacoli fissi che aumentano le loro lesioni, allora è l'ostacolo e chi lo ha posto, a essere responsabile del maggior danno». 


 

  via d alviano-2 Ciclabile via D'Alviano 1-2  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

Torna su
TriestePrima è in caricamento