Papa Francesco a Redipuglia, continuano i preparativi

18.20 - Sistema Sanitario Regionale e Protezione Civile saranno le protagoniste assolute di un giorno che si preannuncia indimenticabile per i fedeli e non solo

Il sistema sanitario regionale e la protezione civile del Friuli Venezia Giulia saranno al centro dell'organizzazione logistica in occasione della visita del Santo Padre al Sacrario militare di Redipuglia il prossimo 13 settembre. Con particolare attenzione sono state soprattutto valutate le misure sanitarie e di primo soccorso in concomitanza con l'evento, in considerazione del grande afflusso di fedeli previsto sia al Sacrario che nelle aree circostanti.

Su indicazione della direzione Salute della Regione, la centrale operativa del 118 di Gorizia ha pertanto elaborato un Piano di organizzazione sanitaria, che viene a coinvolgere non solo l'Azienda per i servizi sanitari n.2 Isontina, competente per territorio, ma anche la vicina Azienda sanitaria della Bassa Friulana, per un eventuale supporto di assistenza sanitaria, nonchè le Azienze ospedaliere di Trieste, Udine e Pordenone in caso di eventi eccezionali ed urgenti. Le attività di soccorso più prossime saranno affrontate con una decina di ambulanze e quattro Posti medici avanzati (Pma) dotati di tende, gazebo e gruppi elettrogeni, da una ventina di squadre di pronto intervento sanitario.  Sarà anche presente un elicottero, che stazionerà all'aeroporto regionale di Ronchi dei Legionari.

Da parte della Protezione civile regionale verranno complessivamente impegnate circa 800 persone, tra tecnici e volontari, provenienti dai diversi Gruppi comunali e da alcune associazioni, tra cui quella dell'Associazione nazionale Carabinieri. I volontari di Protezione civile svolgeranno le proprie attività operative sin dalla giornata di venerdì, con il posizionamento di transenne lungo tutto il percorso dalla rotonda Detroit alla rotatoria di Fogliano, allo scopo di consentire il passaggio della Papamobile tra i fedeli. Gli stessi volontari saranno quindi impegnati lungo tutta la viabilità interessata ed ai varchi d'accesso al Sacrario, a supporto delle forze dell'Ordine. La Protezione civile sarà inoltre presente con un proprio presidio all'aeroporto di Ronchi ed anche, su richiesta di Rfi-Rete ferroviaria italiana, alla stazione ferroviaria di Redipuglia. L'impegno della Protezione civile e del sistema sanitario regionali sarà garantito sino al completo deflusso dei fedeli dal Sacrario e dalle aree adiacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Nuovi concorsi in Comune: aperti 8 posti a tempo indeterminato

Torna su
TriestePrima è in caricamento