Parcheggiatori abusivi sulle rive, Polidori: "E' una guerra"

Secondo il vicesindaco ci sarebbe "“un’organizzazione con delle vere e proprie sentinelle che prendono possesso del territorio”. Da gennaio il presidio dei NIS ha fermato sei persone. Nessun caso di minacce, vessazioni o ricatti

Il presidio permanente dei NIS

“E’ una guerra. Vince e vincerà chi mollerà per primo. Loro in questo momento non stanno mollando. Noi andremo avanti fino a quando non si stancheranno loro”. Le parole arrivano dal vicesindaco di Trieste, Paolo Polidori, che questa mattina ha convocato d’urgenza una conferenza stampa sulle rive per affrontare il tema dei parcheggiatori abusivi. Polidori l’ha definita come “un’organizzazione” che ha “delle vere e proprie sentinelle” e “che prendono possesso del territorio”.

Il presidio permanente della Polizia Locale

Dal mese di gennaio di quest’anno il reparto speciale dei NIS della Polizia Locale è presente nell’area dei parcheggi sul fronte mare con un presidio permanente dove ha “intercettato” sei parcheggiatori nell’esercizio abusivo della professione. “Queste persone infatti sono estremamente organizzate a tal punto che, quando si verifica un calo del controllo in zona, arrivano immediatamente”. La decisione di istituire il presidio è giunta, secondo il vicesindaco, anche a fronte di “una marea di segnalazioni che ci arrivano”.

Non ci sono casi di minacce, vessazioni o ricatti

“Noi stiamo lottando per mantenere il controllo del territorio con la legalità, dall’altra parte invece c’è chi lo vuole occupare attraverso l’illegalità. Questo non lo permetteremo mai” ha continuato Polidori. “Donne e anziani” secondo il vicesindaco, si sentirebbero “minacciati, vessati o ricattati, come a dire, se non mi dai l’euro io ti posso far qualcosa alla macchina”. Sempre Polidori però afferma che “non abbiamo casi” riferiti a episodi di tanta gravità.

"Non può non esserci un'organizzazione"

“L’evidenza di questa organizzazione è legata a denunce fatte in Questura, vale a dire, la Polizia è informata di questo?” è stata la nostra domanda alla quale ha fatto seguito la risposta del vicesindaco: “Sì. Dal momento in cui sai che passano di qua e guardano se c’è un presidio o no, non può non esserci un’organizzazione dietro”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • la guerra la vince chi NON molla, non chi molla.... a forza di slogan a questi si ritorce la lingua

  • Ho notato, soprattutto la domenica, la quantità di sta gente. Appena si vedono bisogna subito chiamare.

  • ancora una cosa (spero che i comenti vegni leti anche dai "buonisti" del corteo de sabato lori e l'integrazione e put.anade varie, spero che cerchi postegio e un nero che sbusi le gome, voio veder se dopo va in corteo, siamo tuti uguali..ahahahahaha

  • MA VA...SI SANTI SUBITO, nessuna vessazione o ricatti o altro... ga ragion Manuel..mazza in bagagliaio e ai posteri l'ardua sentenza.

  • "Nessun caso di minacce, vessazioni o ricatti"....però in molti casi i ga rigà le carrozzerie delle macchine, come che me ga tocà a mi dopo essermè rifiutà de darghe soldi. Mi no spetto più che sia le istituzioni a far qualcossa, i fa solo ciacole e no i risolvi niente,i xè la DA ANNI ! .... Mazza in baul e me risolvo la question da solo.

    • Bravo, bisogna arrangiarsi da soli, capiscono solo quello.

  • "Parcheggiatori abusivi"? Questi xe mendicanti, accattoni. Iniziemo a usar le parole corrette.

  • Senò ingaggè sti qua a pagamento , che i se verzi una ditta de segnaladori de parcheggio , che in un certo verso xe anche valido che se xe l'unico buso libero , i te sventola magari qualche bandierina , ma che no stia a importunar la gente che se senti anche intimorida da sti armadi , te se trovi la veceta gobba , e cosa la pol pensar , dopo le minacce de ricatto che ghe disi,xe una follia , che vado qualche d'un come cavia , con qualche telecamerina nascosta o microfono ,a registrar quel che vien fora da quele scafe , e magari dopo le prove dei casi ghe saria , ma probabilmente , come perl fatto de piazza ortis , i se sposteria in altre zone , quel no xe risolver,xe spostar el problema .

  • d'accordo con tutti voi al 100%. Se veramente ora de finirla. Polidori se l'unico su cui se pol contar. Vicesindaco,non fermarte che 3/4 de città se con ti.

  • Al mattino di domenica 7 Aprile di questi esseri vergognosi né ho contati 16 sparsi da piazza Unità al Saloni degli incanti,una vera vergogna e non c era nessun presidio.

  • non siamo a Napoli, e nessuno vuole pagare un doppio parcheggio, questi devono andare a lavorare, e troppo comodo nessuna fatica si prendono i soldi che prende un operaio che lavora tutto il giorno, si comincia così poi diventa una cosa fissa, basta con questi personaggi mandarli a casa, sono venuti per lavorare in Italia o per cazzeggiare?? Fuori dalle Boll, L'Italia deve diventare un paese tranquillo come una volta, e non essere fermati per strada specialmente in Cavana da personaggi che vendono libri anche senza licenza e sono sempre quelli da anni, mi domando chi li mantiene, e giovanotti atletici e ben vestiti che di voglia di lavorare nisba

    • non siamo a Napoli? E tutte quelle lavanderie di soldi che avete fatto aprire in centro e alle quali date soldi continuamente?

    • Ma perché "parcheggiatori abusivi"? Questi se ciama mendicanti.

      • no, se ciama..r.o.m.pi.c.og.l.oni!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arresto con inseguimento sul Carso: trasportava cinque irregolari

  • Cronaca

    Stalking social nei confronti di una coppia, nei guai un 58enne

  • Cronaca

    Cacciaviti e martello nascosti nell'auto: daspo urbano per due 42enni

  • Cronaca

    Liti in Consiglio comunale, Fratelli d'Italia chiede più telecamere

I più letti della settimana

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Il Festival della pizza sbarca a Trieste

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Macchina si schianta contro un camion in autostrada, morte due persone

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

Torna su
TriestePrima è in caricamento