Petizione contro il monumento a D'Annunzio: 1500 firme in 3 giorni

"Non c'entra niente con Trieste e l'ubicazione di fronte alla Camera di Commercio è probabilmente un omaggio della giunta di destra e dalle sue liste composte anche da ex camerati". Dipiazza: "Era un grande italiano, basta con le divisioni del 900"

Nasce la petizione contro la statua di Gabriele D'Annunzio in piazza della Borsa e in 3 giorni raggiunge la quota di 1500 firme. Il monumento sarà firmato dallo scultore Alessandro Verdi e ritrarrà il vate seduto a leggere in posa riflessiva.

"Omaggio alla giunta"

Così il promotore della petizione Alessandro De'Vecchi: "D'Annunzio non c'entra niente con Trieste, veniva sbeffeggiato anche dalla popolazione quando perse l'occhio, a suo dire in un'azione eroica volando sulla città ma in realtà perso per un'infezione mal curata. L'ubicazione di fronte al palazzo della Camera di Commercio è offensiva, è probabilmente un omaggio della giunta di destra e dalle sue liste composte anche da ex camerati, ad un onorevole dichiaratamente fascista residente nella stessa piazza".

"Personaggio estraneo alla città

"Le statue di Joyce, Saba e di Italo Svevo - continua il testo della petizione - sono state dichiaratamente contrapposte dal sindaco alla cultura italiana invece di quella mitteleuropea e due di questi personaggi della cultura triestina, erano anche israeliti di religione... nella città delle Leggi Razziali. La biografia letteraria e politica di D'Annunzio rasenta il ridicolo ed espone il buon nome dell'Italia al ludibrio mondiale ma non è il questo il motivo principale della nostra contestazione: D'Aununzio era un aloglotto e totalmente estraneo alla città".

La replica di Dipiazza

Il sindaco Dipiazza, in un video su Facebook, difende la scelta esortando a "farla finita con queste divisioni del 900. Sarà una grande opportunità dal punto di vista turistico. Ciò che conta è che Trieste assieme a Venezia è il centro della preparazione dell’impresa di Fiume. Hemingway, Joyce, Proust riconobbero la grandezza di D’Annunzio: questa è la realtà, stiamo parlando di un grande italiano. Queste polemiche mi hanno stancato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Da Trieste – conclude – veniva una delle reliquie più preziose: una bandiera italiana che gli fu regalata dalla sua amante triestina. Lui non attaccò mai i croati, lui non ha mai detto nulla contro i croati. Questa è la storia. Io ho letto anche l’ultimo libro di Giordano Bruno Guerri»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

Torna su
TriestePrima è in caricamento