Picchia la compagna più giovane, arrestato 37enne

Il grave episodio è stato scoperto dai Carabinieri di Trieste nella giornata del 2 giugno. L'uomo, un triestino del 1982, già recidivo per reati simili nei confronti della sorella, è finito in manette e condotto al carcere del Coroneo

Nella nottata di domenica 2 giugno, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di via Hermet hanno tratto in arresto in flagranza di reato P.R., 37enne triestino, per atti persecutori aggravati da minaccia a mano armata, nonché di sequestro di persona. Nel corso di un servizio di pattuglia, a seguito di segnalazione giunta al “112”, i Carabinieri sono intervenuti presso un’abitazione per l’aggressione ad una donna da parte dell’ex compagno.

Giunti sul posto e dopo aver constatato che la vittima, una 23enne triestina, riportava ferite da taglio ad una mano e segni sul volto, i militari hanno ricostruito la dinamica dei fatti: l’uomo, che voleva a tutti i costi riallacciare il rapporto sentimentale deteriorato da tempo, impugnando un coltello aveva dapprima minacciato la donna, che nel tentativo di difendersi aveva riportato un taglio ad una mano e l’aveva poi colpita con schiaffi e pugni al volto e all’addome.

Lei ha quindi tentato di fuggire, senza però riuscirvi in quanto l’aggressore aveva chiuso la porta di casa e tolto la chiave. La vittima è però riuscita a contrattare le forze dell’ordine per chiedere aiuto. Solo a quel punto P.R. le ha permesso di uscire dall’abitazione, dove poco dopo è stata raggiunta da una pattuglia dei Carabinieri.

Al Coroneo

I successivi approfondimenti hanno consentito ai militari di ricostruire numerosi altri episodi di violenza perpetrati nel tempo dal P.R. nei confronti dell’ex compagna, documentando la continuità delle condotte criminose. L’uomo risultava peraltro recidivo per analoghi reati, perpetrati in passato nei confronti della sorella. Alla luce degli elementi raccolti, i Carabinieri hanno quindi dichiarato il 37enne triestino in stato di arresto e, al termine degli atti di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Trieste, lo hanno tradotto al Coroneo. Dovrà rispondere delle accuse di minacce, lesioni personali, atti persecutori e sequestro di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire in fretta, i trucchi per accelerare il metabolismo

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

  • Maxi evasione per oltre due milioni di euro, nei guai autonoleggio con finte sedi in Slovenia

  • Colpi di pistola contro un migrante in Croazia, è grave in ospedale a Fiume

Torna su
TriestePrima è in caricamento