Picchia la moglie e prende a calci i poliziotti: arrestato

Visibilmente ubriaco, il 38enne ha minacciato anche i familiari della donna. Era noto alle autorità

Violenza sulla moglie, minacce alla famiglia, calci agli agenti di Polizia. Motivi per cui il 38enne E.V., residente a Trieste e cittadino bosniaco, è stato arrestato dalla polizia la sera di martedì 29 gennaio. Già noto alle forze dell’ordine, dopo aver picchiato la moglie nel pomeriggio ed essere ritornato a casa visibilmente ubriaco, ha minacciato la donna, i suoi parenti e gli operatori della Squadra Volante intervenuti.

I fatti

La donna ha avuto la forza di segnalare una serie di violenze e di minacce ai propri famigliari, i quali hanno informato la sala operativa tramite il 112 della presenza dell’uomo all’esterno del loro appartamento. Alla vista dei parenti e degli operatori, l’uomo ha assunto atteggiamenti violenti e minacciosi e ha colpito più volte con dei calci alle gambe gli agenti, motivo per il quale è stato anche deferito per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Accompagnato in Questura, dopo le formalità di rito è stato arrestato e condotto presso il carcere del Coroneo a disposizione della Procura della Repubblica.

Picchia la compagna fino a farla svenire: arrestato

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento