Il reparto Covid della Salus sarà trasferito a Pineta del Carso

I pazienti positivi riscontrati nei giorni scorsi saranno dimessi o trasferiti, il reparto sarà liberato e i positivi della Salus vi saranno trasferiti, per poter riprendere l'attività chirurgica senza rischi. Gli ultimi tamponi sono risultati negativi

Foto: Aiello

Dopo alcuni casi di positività al Covid 19 nella casa di cura Pineta del Carso, Policlinico Triestino S.p.A., che comprende anche la Salus, riorganizza i servizi delle proprie strutture. Dopo gli ultimi tamponi eseguiti nella giornata di ieri, tutti aventi esito negativo, si è conclusa la procedura di isolamento dei pazienti della palazzina “B” destinata alla riabilitazione pneumo-cardiologica, dove nei giorni scorsi erano stati accertati i casi positivi.

I pazienti a questo punto possono essere dimessi o trasferiti in altri reparti o strutture, mentre i locali del reparto, così liberato, da domani 23 maggio 2020, saranno destinati ad accogliere i pazienti Covid positivi trasferiti dalla Salus, che potrà quindi riprendere la normale attività chirurgica senza il minimo rischio di contagio. Gli interventi programmati, infatti, ripartiranno giovedì 28 maggio in condizioni di totale sicurezza.

50 posti letto

Il nuovo reparto Covid, con sede nella palazzina “B” della Pineta del Carso, opportunamente isolato, ha una capacità di 50 posti letto e sarà seguito dal personale medico e infermieristico che del virus Sars-Cov-2 si è già occupato fino a ieri alla Salus. Oltre ad ospitare i pazienti oggi ricoverati alla Salus, potranno essere accolti nuovi invii da parte di ASUGI.

"Rischio pressoché inesistente"

L’attività ambulatoriale prosegue in entrambe le strutture in condizioni di sicurezza. Non essendoci percorsi né personale in comune, infatti, il rischio di poter entrare in contatto con il virus è pressoché inesistente. Anche nella palazzina “C” della Pineta del Carso, destinata alla riabilitazione neuromotoria, così come l’Hospice e l’accoglienza ai disabili gravi, l’attività prosegue normalmente. La situazione è costantemente monitorata. Vengono periodicamente effettuati tamponi sia sui pazienti che sul personale, finora tutti con esito negativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa particolare circostanza, che richiede a tutti uno sforzo e un impegno senza precedenti, la società Policlinico Triestino S.p.A. desidera ringraziare tutto il personale di entrambe le strutture, che da oltre un mese (dal trasferimento dei primi pazienti positivi alla Salus) affronta con coraggio e dedizione le enormi difficoltà di questa emergenza rendendo un servizio encomiabile all’intera comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento