Pista ciclabile in via Giulia, Fiab: «Dipiazza si è rimangiato le promesse elettorali, necessaria per lo sviluppo della zona»

Nota della Fiab Trieste: «Realizzare la ciclabile darebbe una concreta risposta alla crescente domanda di ciclabilità che i triestini mostrano»

La scelta dal parte del sindaco di stoppare la pista ciclabile in via Giulia non è stata apprezzata dalla Fiab Trieste che in una nota sottolinea: «La bicicletta è una delle chiavi di volta di una mobilità urbana moderna e sostenibile. Il Sindaco Dipiazza lo ha riconosciuto scrivendo nel suo programma elettorale che "lo sviluppo della mobilità ciclabile, avendo come obiettivo a medio termine un 10% degli spostamenti urbani, può portare numerose ricadute positive a Trieste: meno smog, meno traffico, più facilità di parcheggio per chi si muove in auto"». 

«Per questo - continua la nota -  l'associazione di ciclisti urbani FIAB Trieste Ulisse è sorpresa dello stop che il Sindaco ha imposto alla ciclabile di via Giulia. Il progetto, che può essere realizzato grazie ad un finanziamento regionale di 135.000€, prevede oltre alla ciclabile 2 percorsi pedibus, 5 attraversamenti pedonali protetti e nuove alberature. Un intervento che rende via Giulia più permeabile e sicura per chi si muove a piedi, che promuove l'autonomia negli spostamenti dei bambini del quartiere nei percorsi casa-scuola, con i benefici sociali, cognitivi e di promozione di stili di vita sani che ciò comporta».

«La ciclabile di via Giulia - sottolineano gli esponenti Fiab -  è importante non solo per il quartiere ma per tutta la città in quanto è parte di uno dei tre assi portanti della futura rete ciclabile triestina: il Pi Greco. Il tratto di via Giulia assieme al viale XX Settembre, via Imbriani e via Mazzini è il primo di questi tre assi nel quale i ciclisti urbani potrebbero pedalare con sufficiente sicurezza. Inoltre Dipiazza ha sottoscritto un impegno che prevede la realizzazione di "una pista ciclabile in sede propria biderezionale davanti ai portici di Chiozza/Passo Pecorari/Piazza San Giovanni" e questo intervento darà ulteriore qualità e continuità a questo percorso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Realizzare la ciclabile - conclude la nota - darebbe una concreta risposta alla crescente domanda di ciclabilità che i triestini mostrano. Dato evidenziato dal sondaggio SWG realizzato a fine 2015 dove è emerso che sono circa 3.500 le persone a Trieste che già usano la bicicletta con regolarità e altre 35.000 affermano che se esistesse una pista ciclabile sul tragitto casa-lavoro preferirebbero lasciare ferma l'auto e pedalare. Per questo FIAB Trieste Ulisse chiede chi il progetto della ciclabile di via Giulia venga realizzato e rinnova la richiesta di un confronto con il Sindaco Dipiazza e l'Assessore alla Mobilità Polli per affrontare eventuali criticità e trovare delle soluzioni condivise»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • La bambina scomparsa in Carso non è mai esistita, interrotte le ricerche

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento