Cacciaviti e martello nascosti nell'auto: daspo urbano per due 42enni

Al termine dei controlli, i due uomini, già noti alle forze dell’ordine, sono stati accompagnati in Questura per i successivi approfondimenti. Emessa la misura di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Gorizia per 3 anni

Due cittadini rumeri sono stati denunciati dalla Polizia per il reato di "porto di armi od oggetti atti ad offendere". L’attività, effettuata da personale della Squadra Volante della Questura di Gorizia, ha avuto inizio nella mattinata di ieri, 23 maggio, quando un equipaggio in servizio di controllo del territorio ha notato un’autovettura sospetta intenta a percorrere via Italico Brass.

Il fatto

Dopo aver fermato il veicolo, le forze dell'ordine hanno proceduto ad un controllo approfondito dell’abitacolo, rinvenendo dei cacciaviti ed un martello occultati all’interno di uno scomparto. I due occupanti, entrambi di 42 anni, sono risultati già noti alle forze dell’ordine e, pertanto, sono stati accompagnati in Questura per i successivi approfondimenti.

Daspo urbano

Al termine degli accertamenti i due cittadini rumeni sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di cui all’art. 4 della l. 110/75, mentre il martello ed i cacciaviti sono stati sottoposti al vincolo del sequestro penale.

Il questore di Gorizia, all’esito dell’attività, ha emesso la misura di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Gorizia per 3 anni a carico dei due indagati, la cui posizione è attualmente al vaglio dell’ufficio immigrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

Torna su
TriestePrima è in caricamento