Polizia: insediato il nuovo questore Leonardo La Vigna

Nato nel 1954, è subentrato al dottor Antonio Maiorano da oggi a capo della Questura di L'Aquila.

È il dottor Leonardo La Vigna il nuovo questore della Provincia di Trieste, è subentrato al dottor Antonio Maiorano da oggi a capo della Questura di L’Aquila. Nato ad Enna il 5 gennaio 1954, La Vigna è laureato in Giurisprudenza, coniugato, due figli, è entrato in Polizia nel 1972 come vincitore del concorso all'Accademia. Nel 2004 ha conseguito il titolo alla Scuola perfezionamento forze di Polizia.

Ha prestato servizio nelle seguenti sedi: dal 1976 al 1984 al 13° Reparto Mobile di Palermo e Questura di Roma, dal 1984 al 1992 all'Istituto superiore di Polizia quale capo ufficio corsi e alto commissariato per la lotta alla mafia e nel 1993 è stato capo centro della Direzione investigativa antimafia a Torino.  Dal 1996 al 2003  è tornato a Roma alla Scuola di perfezionamento per le forze di Polizia come direttore Ufficio studi, nel 2004 viene promosso dirigente superiore e nominato dirigente del compartimento Polizia ferroviaria per la Puglia Basilicata Molise.

Nel febbraio 2006 viene nominato questore di Cuneo dove rimane fino all‘ottobre 2008 quando assume la dirigenza del Servizio centrale di protezione. Nel 2012 viene nominato dirigente generale di Pubblica sicurezza e, contestualmente, dal 1° novembre gli viene attribuita la funzione di questore di Bolzano.
Nel 2013 il suo ritorno a Roma come dirigente dell'Ispettorato di Polizia presso la Camera dei Deputati e successivamente di dirigente  dell’ispettorato di Polizia di Palazzo Chigi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L‘ultimo incarico prima di assumere le funzioni di Questore di Trieste è stato alla segreteria del dipartimento della Pubblica sicurezza. Il suo primo gesto a Trieste è stato quello di deporre una corona d’alloro ai caduti della Polizia di Stato nel famedio della questura, presenti il vicario, il cappellano, i dirigenti e i funzionari degli uffici di Polizia della Provincia, una delegazione della sezione dell’associazione nazionale Polizia di Stato con il labaro e le organizzazioni sindacali dell’amministrazione civile dell’interno e della Polizia di Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento