Portacontainer Katrina: notti insonni per i triestini a causa di un'anomalia

Il portacontainer lascerà Trieste lunedì 12 marzo

Da venerdì 9 marzo, un'enorme portacontainer sta facendo passare notti insonni a tutti coloro che vivono nelle vicinanze del molo VII del porto di Trieste.

Si tratta di Katrina, un nave dalla capacità di  14mila contaier. La causa del rumore fastidioso, come ha dichiarato al Tgr Rai Mario Sommariva , segretario generale dell'Autorità,  ci sarebbe un'anomalia.

Nonostante Katrina rispetti tutte le normative,  sono stati eseguiti diversi interventi a seguito delle richieste da parte della Torre del Loyd e, come confermato dai cittadini, il rumore è finalmente diminuito.

Il portacontainer lascerà Trieste lunedì 12 marzo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • In sti giorni iero a Basovizza e se sentiva rumor de bassi, ecco cossa iera.

  • sento il rumore fino a rozzol melara, immagino la vicino sarà molto peggio.

  • ho sentito questo rumore di bassi tutto il giorno nonostante avessi le finestre chiuse e abito lontano via Commerciale , è stato un tormento, ma perché nessuno ci spiega il perché di tanto rumore????

  • mai contenti !!!

    • se vedi che te son sordo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Crociere, Bucci: «Tornano le grandi navi a Trieste»

  • Cronaca

    Dipiazza contrario al raduno neofascista del 3 novembre

  • Politica

    Camber (FI): "Al Garante il compito di difensore civico"

  • Eventi

    Dallo Studio Wulz a Foto Pozzar: l'omaggio a Trieste dei grandi fotografi triestini

I più letti della settimana

  • Legionellosi, 2 casi a Trieste: come proteggersi

  • Atti osceni nel Giardino Basevi: denunciati due uomini

  • Triestina-Vis Pesaro 2 a 0 | Le pagelle: Beccaro il migliore, Coletti fa fatica

  • Alberto Angela a Miramare per una puntata di Ulisse

  • Spavento a Valmaura, tir si incendia per un guasto

  • Pedone investito da pirata della strada, trasportato a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento