Attracco Msc Seaside, Serracchiani: «Lo scalo giuliano è l' ideale per i grandi investitori»

Il sindaco Dipiazza: «La città sta correndo e crescendo»

«Trieste ha tutte le carte in regola per presentarsi alle grandi società come il porto sul quale investire». Ne è certa la presidente della Regione, Debora Serracchiani, che, a margine della cerimonia di maiden call per l'attracco della Msc Seaside sulle rive della città, ha spiegato come, grazie alle attività sviluppate negli ultimi anni, il Friuli Venezia Giulia e lo scalo giuliano «abbiano riconquistato una centralità importante nel contesto nazionale e internazionale».

Ricordando come il palazzo della Giunta, nel quale non casualmente si è svolta la cerimonia, in passato fosse la sede del Lloyd Austriaco, la più importante società di navigazione dell'Austria e poi dell'Austria-Ungheria, Serracchiani ha spiegato agli ospiti che «alzando lo sguardo sopra le porta di questa sala potete ancora leggere l'antico motto Vorwärts (Avanti!). Non c'è impresa e non c'è navigazione senza questa tensione ad andare sempre più avanti, senza questo umano impulso a non volersi accontentare del qui ed ora, ma a pensare al futuro, a guardare all'orizzonte come a un confine da superare. Non è un caso - ha chiarito - che questo palazzo abbia due facciate principali: una sulla piazza, l'altra rivolta verso il mare, verso le navi e verso i traffici».

Serracchiani ha sottolineato che «gli investimenti già attuati e quelli programmati per la stazione di Campo Marzio, per la ferrovia nonché per i collegamenti con l'aeroporto e la linea che da Ronchi dei Legionari andrà a Venezia e in pochissimo tempo ci permetterà di collegarci con l'altro importante porto del nord Adriatico, fanno sì che questa regione e la città di Trieste stiano diventando davvero centrali per i comparti delle crociere e dei container».

Occasioni di crescita che si affiancano a quelle offerte dal Porto Franco internazionale di Trieste, le quali rappresentano, secondo la presidente, «posti di lavoro e un'economia che torna a crescere, oltre al fatto che finalmente il porto si sviluppa, implementa e utilizza fino in fondo le grandissime opportunità a sua disposizione, che per troppo tempo non si è stati capaci di sfruttare».

Durante la cerimonia, che ha visto i vertici di Msc effettuare un reciproco scambio di crest con le autorità civili e militari di Trieste, il presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, ha rimarcato che il varo della Seaside rappresenta l'unione di «due eccellenze nazionali, la portualità e il made in Italy, in un connubio tra il mondo della logistica e quello industriale».

«La città sta correndo e crescendo. Grazie di cuore per l'emozione che ci avete donato ieri e siamo a disposizione e pronti ad accoglievi e già il prossimo anno consegneremo il sigillo trecentesco di Trieste a Gianluigi Aponte».Questo, invece, è l'intervento del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza nel palazzo della Regione alla cerimonia “Mainden Call”, con la quale si celebra il primo scalo di una nave in un porto e che ha visto il comandante della “Seaside” Pier Paolo Scala e il country manager crociere di MSC Leonardo Massa scambiare i crest con le autorità locali.

«Da un anno -ha aggiunto il sindaco Roberto Dipiazza- abbiamo sdemanializzato i circa 65 ettari del Porto Vecchio di Trieste, ricordatevi che abbiamo una opportunità incredibile, anche a disposizione della vostra magnifica Società. Trieste vi aspetta”. Nel corso della cerimonia il sindaco Roberto Dipiazza e l'assessore allo Sviluppo economico e Turismo Maurizio Bucci hanno consegnato al comandante Scala e al country manager MSC il crest e la bandiera di Trieste. Parole di apprezzamento sono state espresse in particolare dal comandante Pier Paolo Scala che, entusiasta e ammirato per la città, ha manifestato il desiderio di trasferirsi a Trieste con la sua famiglia».. Il sindaco, ironicamente, ha poi rimarcato “non è soltanto rossa, c’è anche l’alabarda».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Malore fatale al Molo G: deceduto uomo di 77 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento