Zeno D'Agostino eletto vicepresidente dei porti europei

L'Espo-European Sea Ports Organisation ha scelto il numero uno del porto di Trieste. Serracchiani: “Una chance per l'Italia, una soddisfazione che non ha colore politico"

Il presidente di Assoporti e presidente dell'Autorità portuale, Zeno D'Agostino, è stato nominato vice presidente di Espo-European Sea Ports Organisation oggi a Bruxelles. Eamonn O'Reilly è stato confermato presidente. Come dichiara Ansa, D'Agostino è stato sostenuto da Belgio, Finlandia, Francia, Lettonia, Olanda, Romania, Spagna, Irlanda, Svezia, Norvegia e Regno Unito, oltre che dall'Italia. Questa nuova opportunità è stata definida da D'Agostino un'occasione per "esprimersi direttamente su decisioni che possono cambiare il futuro dei porti italiani e della portualità del Sud Europa". Tra le priorità "va definita una nuova agenda europea ed italiana sulla Via della Seta. Va data forza all'Italia all'interno delle nuove dinamiche di sviluppo delle reti Ten-T e delle autostrade del mare".

"Un'ottima notizia per Trieste"

Così ha dichiarato la deputata Debora Serracchiani: “È una soddisfazione che non ha colore politico, una chance per il Paese, un'ottima notizia per Trieste e il Friuli Venezia Giulia. Sappiamo tutti che sicuramente farà un buon lavoro, ma dietro di lui ci sia compatto il sistema-Italia”, aggiungendo che “Siamo di fronte a sfide globali e quello della logistica e dei trasporti in particolare è un settore in cui come Paese ci giochiamo una grossa fetta della nostra competitività. Con D'Agostino abbiamo in mano una buona carta in più”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Dimagrire in fretta, i trucchi per accelerare il metabolismo

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

Torna su
TriestePrima è in caricamento