Premio Mattador, Torrenti: «Massimo supporto dalla Regione»

«Crediamo molto in questo premio e abbiamo voglia di svilupparlo ancora di più, sebbene sia già chiaramente un riconoscimento importante e conosciuto»

Sono stati annunciatii a Trieste, i primi nomi dei vincitori dell'ottava edizione del Premio Mattador, il riconoscimento internazionale dedicato ai giovani autori di sceneggiature per il cinema. I premiati sono Lorenzo Bagnatori, 28enne di Pescia in provincia di Pistoia, e Aurora Piaggesi, 27enne pisana.

A loro, lunedì 17 luglio a Venezia, sarà consegnato il riconoscimento dedicato ai migliori soggettisti, mentre i vincitori nelle restanti categorie (miglior sceneggiatura per lungometraggio, miglior storia raccontata per immagini e miglior sceneggiatura per cortometraggio) saranno svelati durante la cerimonia in programma al Teatro La Fenice, alla presenza - tra gli altri - del presidente della giuria Pupi Avati.

Gli altri componenti della giuria, Marina Zangirolami Mazzacurati, Salvatore De Mola, Emilia Bandel e Stefano Bessoni, sono intervenuti già all'odierna conferenza stampa di presentazione del premio, che gode del patrocinio del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e del sostegno, tra gli altri, della Regione Friuli Venezia Giulia.

«Crediamo molto in questo premio - ha rimarcato l'assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti - e abbiamo voglia di svilupparlo ancora di più, sebbene sia già chiaramente un riconoscimento importante e conosciuto».

A testimonianza delle parole dell'assessore, il coordinatore dell'odierna conferenza stampa, Pierluigi Sabatti, ha reso noto che gli elaborati pervenuti quest'anno sono stati 187 sia dall'Italia che dall'estero.

«L'internazionalità del premio è un fattore fondamentale - ha aggiunto Torrenti - pensando anche alla città in cui nasce, ovvero Trieste, luogo di identità complesse»".

Il riconoscimento è infatti un omaggio a Matteo Caenazzo, il giovane studente triestino studente di cinema all'Università Ca' Foscari di Venezia, vinto dalla leucemia a 23 anni, pochi giorni prima della discussione della sua tesi che gli è poi comunque valsa la laurea d'onore in tecniche artistiche e dello spettacolo.

«Ho conosciuto personalmente Matteo avendo lavorato con lui - ha detto Torrenti - e credo che questo premio sia il giusto modo di ricordarlo, perché è un incentivo ai tanti giovani, che hanno voglia, come ce l'aveva lui, di sviluppare il proprio talento. La finalità del Mattador è quindi ben definita e importante ed è proprio per questo che l'Amministrazione regionale ha dato a questo premio il sostegno triennale, alla pari dell'Amidei».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il supporto all'iniziativa che ricorda Caenazzo è stato espresso anche da Serena Tonel, assessore alla Comunicazione del Comune di Trieste, dal rettore dell'università giuliana Maurizio Fermeglia e da Lydia Alessio-Vernì che ha portato i saluti del vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Superbonus casa al 110%: i requisiti e i lavori di ristrutturazione necessari

  • Dall'altra parte del confine, parlano i titolari delle gostilne slovene: "Situazione disastrosa"

  • Delirio in via Torino, rompe i tavoli della pizzeria Assaje: denunciato

Torna su
TriestePrima è in caricamento