Premio nazionale "basta sangue sulle strade 2017” alla Polizia locale di Trieste

Il vicesindaco Roberti evidenzia il valore del riconoscimento che premia il corpo e l'amministrazione comunale per il costante impegno nell'educazione stradale

«Per l’iniziativa realizzata presso il reparto di pediatria dell’ospedale Burlo Garofolo finalizzata a prevenire i comportamenti a rischio tra i giovanissimi mediante il gioco e per la costante attenzione rivolta all’educazione stradale degli studenti, con numerosi progetti di prevenzione». Con questa menzione speciale, nella categoria forze dell'ordine, la Polizia locale di Trieste sarà premiata domani a Milano dall'Associazione Famigliari delle Vittime della Strada in occasione del Premio nazionale sicurezza stradale “Basta sangue sulle strade 2017”. L'importante riconoscimento è stato presentato con soddisfazione oggi (martedì 7 novembre) nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala giunta del municipio, alla quale sono intervenuti il vicesindaco Pierpaolo Roberti e il comandante della Polizia locale Sergio Abbate con commissario Roberto Calligaris e l'assistente Andrea Zappalà.

«Dopo il premio per la sicurezza urbana 2017 dell'Anci per la miglio operazione di Polizia locale oggi - ha detto con soddisfazione il vicesindaco  Pierpaolo Roberti - il nostro Corpo riceve questo nuovo importante riconoscimento, che assume un particolare significato in quanto ci viene attribuito proprio dall'Associazione dei Famigliari delle Vittime della Strada. E' stata un'iniziativa che ha portato sorrisi ai bambini ospiti dell'ospedale infantile Burlo Garofolo e che porta quotidianamente sorrisi a bambini, ragazzi e giovani delle scuole dell'infanzia, delle medie e superiori, coinvolgendo ogni anno circa 2500 studenti. E' un riconoscimento di valore per l'attività di prevenzione ed educazione stradale che la Polizia Locale di Trieste porta avanti ormai da anni e che ha visto ora anche l'ingresso al Burlo. E' un'iniziativa  che ha avuto successo e sollevato interesse e che per questo puntiamo a ripetere».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E' un premio -ha aggiunto il comandate Sergio Abbate- che stimola a dover fare sempre di più e meglio». I corsi di educazione stradale coinvolgono bambini, ragazzi e giovani delle scuole triestine, sono promossi da circa un decennio dall'ispettore Sabrina Colomban,  In questa occasione hanno toccato anche i piccoli ammalati ospiti del Burlo Garofolo, attraverso un'iniziativa specifica, che ha offerto a loro e alle loro famiglie alcuni momenti di svago con giochi, disegni e video, sempre sul tema della sicurezza stradale. Il tutto realizzato sempre grazie alla disponibilità e alla sensibilità del personale della Polizia locale di Trieste che, dopo i propri rispettivi turni di lavoro sulle strade della città, trovano ancora il tempo di andare incontro alle nuove generazioni per favorire e far crescere sempre più l'educazione stradale e la sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • Dall'altra parte del confine, parlano i titolari delle gostilne slovene: "Situazione disastrosa"

Torna su
TriestePrima è in caricamento