Profughi a Valmaura, la Questura: «Servizi assicurati e rafforzati»

La Questura di Trieste ha diramato una nota stampa per rassicurare i cittadini preoccupati per il trasferimento dal Silos a Rio Primario (nei pressi della Risiera di San Sabba) di circa 100 richiedenti asilo: «Garantiremo la sicurezza e la tranquillità della popolazione»

«In relazione alla possibile istituzione di un centro di accoglienza temporanea per i migranti e alle manifestate preoccupazioni dei residenti della zona San Sabba-Valmaura, si rappresenta che, nell’ambito delle competenze della Polizia di Stato saranno, come di consueto, assicurati e rafforzati i servizi istituzionali finalizzati a garantire, in particolare per le fasce più deboli, la sicurezza e la tranquillità della popolazione».

Dopo le polemiche politiche e le crescenti proteste dei cittadini, una nota della Questura di Trieste vuole rassicurare i cittadini della zona di Rio Primario, nei pressi della Risiera di San Sabba a Valmaura, preoccupati per il trasferimento di circa cento richiedenti asilo dalla baraccopoli abusiva dei Silos a una struttura della Saf. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento