Pulisce casa e cade dalla finestra: donna in codice rosso a Cattinara

Una signora è caduta dal secondo piano della sua abitazione mentre effettuava le pulizie domestiche. Sul posto la Polizia di Stato, i Vigili del fuoco ed il 118 con automedica ed ambulanza

Foto di Emanuele Esposito

Nel pomeriggio di oggi, 2 maggio, una signora è caduta dalla finestra dal secondo piano della sua abitazione di via Vittorio Bolaffio 2/1 mentre effettuava le pulizie domestiche. Sul posto sono intervenuti la Polizia di Stato, i Vigili del fuoco ed il 118 con un'automedica ed l'ambulanza.

Il caso è stato catalogato come incidente domestico dalla Polizia di Stato, dopo aver consultato i vicini che hanno asserito di non aver udito alcun rumore o urlo. Anche la scala ed i prodotti per pulizie hanno subito fatto pensare a un incidente. La signora Perosa (così il cognome sul campanello), è caduta da 6-7 metri d'altezza e ha batutto violentemente la testa, perdendo molto sangue.

I Vigili del Fuoco sono saliti al piano per far accedere la Polizia dall'ingresso mentre il 118 ha trasportato la vittima a Cattinara con codice rosso.

18280745_10213024058460018_1397328321_n-2

18254548_10213024058500019_912423031_n-2

18254592_10213024058540020_2058112787_n-2

18254499_10213024058420017_312256864_n-2

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Malore in spiaggia, bambina finisce al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento