Qualità dell'aria in FVG: polveri sottili in calo, ma continua a crescere l'ozono

Nel 2019 la qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia è stata complessivamente discreta e in linea con la media dell’ultimo quinquennio. Scoccimarro: "Bene, ora si punta agli Stati Generali 2020"

Nel 2019 la qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia è stata complessivamente discreta e in linea con la media dell’ultimo quinquennio. Valori relativamente elevati di polveri si sono avuti solo nella pianura occidentale, mentre i superamenti della soglia giornaliera di Ozono si sono avuti su tutta la pianura e costa, comunque in leggera diminuzione rispetto agli anni precedenti. Lo rileva l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente in una nota preliminare sullo stato della qualità dell’aria nell’anno appena concluso.

Le polveri sottili

Nella nota è comunque sottolineato il fatto che il miglioramento della qualità dell’aria è percepibile confrontando i dati dell’ultimo quinquennio rispetto ai due quinquenni precedenti (dal 2005 al 2009 e dal 2010 al 2014) soprattutto per quanto riguarda le concentrazioni di polveri, i cui valori da diversi anni non sono più problematici sulla costa e sulla pianura centrale ed orientale della regione così come avveniva in precedenza.

Nel dettaglio, per quanto riguarda le polveri, sia la concentrazione media della frazione più grossolana (PM10) sia la concentrazione di quella sottile (PM2.5) sono risultate al di sotto del limite di legge; solo nei pressi del confine con il Veneto è stato superato il limite di legge sulle concentrazioni giornaliere di PM10 (oltre 35 giorni con concentrazione superiore a 50 ug/m3). Quest’ultimo superamento è stato causato dalle particolari condizioni meteorologiche di ristagno atmosferico che si sono avute nei primi mesi dell’anno, mentre gli ultimi mesi dell’anno sono stati decisamente meno problematici.

L'ozono

Situazione diversa per quanto riguarda l’ozono, che sta diventando anno dopo anno un elemento da tenere sotto stretta osservazione. Anche l’estate 2019 ha visto, infatti, diversi superamenti della soglia giornaliera di Ozono su tutta la pianura e costa della regione, mentre migliore è stata la situazione nei fondovalle alpini. L’aspetto positivo rilevato nel 2019 è che, nonostante i frequenti periodi soleggiati, il numero di giorni con il superamento della soglia di legge è stato inferiore a quello degli anni precedenti, così come meno intensi sono stati i picchi di Ozono.

Il commento

"I dati sulla qualità dell'aria della nostra regione si confermano buoni nella media e migliori delle regioni e Paesi limitrofi, ma proprio per questo è mia intenzione continuare a investire energie per portare a termine quanto prima l'organizzazione degli Stati generali dell'Ambiente della Euroregione adriatica e della Mitteleuropa. L'ambiente non conosce confini geografici ed è necessario condividere e proporre buone pratiche amministrative e culturali perché ormai non basta più essere un puntino verde in mezzo a tanti gialli e/o rossi". Ha dichiarato l'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Fabio Scoccimarro.

"Sono confortanti i dati divulgati oggi da Arpa FVG - ha aggiunto l'assessore -, poiché evidenziano come le polveri siano ormai da anni in diminuzione, mentre l'ozono continua a essere un problema per la salute delle categorie più sensibili come bambini e anziani. L'ozono, infatti, proviene da sorgenti diffuse e può subire fenomeni di trasporto anche notevoli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La riduzione di questo inquinante richiede pertanto misure strutturali applicate in maniera coordinata a livello transnazionale, finalizzate al contenimento delle emissioni dei suoi precursori. Sarà questo - ha concluso - uno degli obiettivi che vorrei fossero assunti nella Carta di Trieste e che proporrò alle Regioni e ai Paesi presenti agli Stati Generali nel 2020"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento