"Questo non è amore", a San Valentino la campagna della Polizia contro la violenza sulle donne

La campagna prevede in molte province italiane la presenza di camper, gazebo e altri spazi di accoglienza per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere

Il prossimo 14 febbraio, nel giorno di “San Valentino”, la Polizia di stato sceglie di stare vicino alle donne attraverso la campagna “…Questo non è amore”, che prevede in molte province italiane la presenza di camper, gazebo e altri spazi di accoglienza per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere.

A Gorizia, la Questura, in collaborazione con la Polizia stradale, allestirà in via Garibaldi, dalle 10 alle 13 circa, uno stand il cui obiettivo sarà appunto quello di informare e sensibilizzare i cittadini sul tema della violenza verso le donne, sia essa fisica, psicologica o economica, favorendo L’emersione del fenomeno ed offrendo alle eventuali vittime il supporto di un’équipe multidisciplinare formata da operatori specializzati della polizia. un’idea, quella del progetto camper contro la violenza di genere, nata nel 2016 e che solo nell’ultimo trimestre del 2017 ha fatto registrare più di 18000 contatti in tutta italia, tra i quali sono state intercettate una pluralità di situazioni di disagio sulle quali è stato possibile intervenire in chiave preventiva, proprio perché l’esperienza di polizia e delle associazioni da tanti anni impegnate su questi temi mostra l’esistenza di un “sommerso” che troppo spesso non si traduce in denuncia.

Un quotidiano fatto di attenzioni morbose, di comportamenti aggressivi e intimidatori che vengono letti come espressione di un amore appassionato e di una gelosia innocua, anche da madri, sorelle e amiche, ma che è spesso il triste copione di un crescendo di violenza che si alimenta con l’isolamento. Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di stato è impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nasce fondazione "Burlo Garofolo": donati 48mila euro da Barcolana e Despar

  • Cultura

    Il dolce tipico di Trieste? 9 pasticceri in gara: la proclamazione (e gli assaggi per il pubblico) da Eataly

  • Cronaca

    Rive chiuse e traffico in tilt, Roberti difende e ringrazia la Polizia locale

  • Cronaca

    Bora a 130 Km/h: Acegas a lavoro per bloccare i cassonetti e distribuzione sale

I più letti della settimana

  • Grave incidente in via Rossetti: motociclista in prognosi riservata

  • Grave incidente in viale Miramare: 16enne contro un palo

  • Rifiuti e feci e urine umane: il degrado assoluto nel sottoscala delle case Ater di piazzale De Gasperi (FOTO)

  • Impalcatura pericolante sulle Rive: traffico in tilt per un’ora

  • Schianto in viale Miramare: resta gravissimo il 16enne

  • Allerta meteo per i prossimi giorni: possibili neve e temperature glaciali sul Carso

Torna su
TriestePrima è in caricamento