Raid dei negli uffici di via San Nicolò: approfittano del primo maggio per operare indisturbati (FOTO)

Hanno sfondato le porte d'ingresso di due uffici abbattendone i pannelli centrali: sul posto la squadra volante e la scientifica della Polizia

Un vero e proprio raid quello che dei ledri hanno messo a segno nello stabile di via San Nicolo 33 lo scorso primo maggio: i malviventi, lavorando indisturbati poichè tutti gli uffici erano chiusu, hanno sfondato le porte abbattendone i pannelli centrali degli studio dell'impresa di costruzioni e dell’architetto al secondo piano. Sono entrati in entrambi gli uffici, ma, stando a quanto si è appreso in un primo momento, il bottino è stato alquanto magro; così, non paghi, hanno anche cercato di forzare la porta dello studio medico e del commercialista, sempre allo stesso piano.

In un primo momento i ladri avevano tentato di forzare le porte con, presumibilmente, dei grossi cacciavite e poi, non riuscendoci, hanno optato per il metodo "distruttivo". Sul posto, in seguito all'amara scoperta dei proprietari degli uffici, sono intervenuti gli agenti della Squadra Volante della vicina Questura e della scientifica. Stando appunto ai primi accertamenti, i malviventi avrebbero girato gli uffici in cerca di oggetti di valore, rovistando in armadi, cassetti e cassaforte, senza però trovare nulla di prezioso. 

furto via san nicolo 1mag17-4

furto via san nicolo 1mag17-3

furto via san nicolo 1mag17-5

furto via san nicolo 1mag17-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Migliori gelaterie d'Italia: due coni per Jazzin e Soban, menzione per Zampolli

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

Torna su
TriestePrima è in caricamento