Ramoscelli d’ulivo non benedetti: sequestri e sanzioni della Polizia locale

Il vicesindaco Roberti su Facebook: «Ho voluto dei controlli straordinari sull’odiosa pratica». Multe fino a 5 mila euro

«Nella giornata di ieri ho voluto dei controlli straordinari sull’odiosa pratica di alcuni di vendere ramoscelli d’ulivo non benedetti, sottraendo possibili offerte alle parrocchie e, quindi, alle persone bisognose». Lo scrive il vicesindaco e assessore alle Polizia locale Pierpaolo Roberti su Facebook riportando poi che «sono state due le pattuglie della Polizia Locale incaricate e, ai sensi della legge regionale sul commercio, abbiamo sequestrato i prodotti irregolari davanti alla chiesa di via San Cilino (79 rametti), davanti a quella di via Giulia (361 rametti), in piazzale Valmaura (800 rametti)».

«Le tre persone coinvolte, ovviamente, sono state sanzionate», sottolineato Roberti. Per loro, secondo quanto previsto dal regolamento regionale, la multa potrebbe arrivare fino a 5 mila euro. 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento